giovedì, 29 Febbraio 2024
HomeUltim'oraPubblicati i dati del Barometro Aftermarket Truck di Anfia

Pubblicati i dati del Barometro Aftermarket Truck di Anfia

Secondo i dati del Barometro Aftermarket Truck della sezione Aftermarket di Anfia, realizzato in collaborazione con la sezione Automotive di ASAP Service Management Forum, nel primo semestre del 2023 si è registrato un record di fatturato totale per il mercato aftermarket truck, rispetto ai cinque anni di analisi presi in considerazione

Pubblicati i dati del Barometro Aftermarket Truck della sezione Aftermarket di ANFIA, secondo i quali il fatturato totale del mercato aftermarket truck relativo al primo semestre 2023 ha registrato una variazione positiva rispetto ai quattro anni precedenti: +13% rispetto al 2019, +55% rispetto al 2020, +8% rispetto al 2021 e +8% rispetto al 2022.

Andamento del fatturato cumulato del mercato totale su base mensile (2019 – Primo Semestre 2023)

Record di fatturato totale per il mercato aftermarket truck

In particolare, le performance di fatturato del primo trimestre del 2023 sono state le migliori dall’inizio della rilevazione dei dati. Anche per quanto riguarda il periodo aprile-giugno 2023 i risultati sono stati molto positivi. Infatti, sebbene il fatturato totale sia stato caratterizzato da una contrazione rispetto al trimestre precedente, il secondo trimestre 2023 ha registrato la seconda migliore prestazione di tutto il periodo di analisi.

“Complessivamente, i dati del primo semestre 2023 elaborati dal Barometro Aftermarket Truck – afferma Alessio Sitran, Responsabile Area Truck & Bus di ANFIA-Aftermarket – danno prova ulteriore del percorso di ripresa e di crescita che era visibile già alla fine del 2022. Ciò che soddisfa è non solo che tutte le macro-famiglie siano in terreno positivo, ma, soprattutto, la crescita del comparto Sopra-telaio, che, al 31 dicembre 2022, aveva chiuso l’anno con un -3%. Segno, questo, di un mercato che ha ripreso fiducia e che si allinea anche ai valori di crescita registrati sul fronte delle nuove immatricolazioni.
È sempre opportuno ricordare che, all’interno di questo contesto, anche il comparto dell’aftermarket dei veicoli industriali intercetta i macrotrend di innovazione e di cambiamento che interessano il settore automotive in generale. Digitalizzazione, connettività, scenari di piattaforma, nuove sfide poste dalla transizione energetica e dalle novità normative del Pacchetto Mobilità – non ultima, l’entrata in vigore, dal 21 agosto 2023, della nuova versione di tachigrafi intelligenti: sono queste le variabili più significative che, anche in un’ottica di filiera, caratterizzano l’attuale evoluzione del settore dell’autotrasporto. Questi processi, se da un lato accrescono la complessità della governance delle aziende del comparto, dall’altro creano ambiti operativi nuovi, dove accrescere la catena di valore attraverso il processo che dal dato porta all’informazione e, con essa, al valore della sua gestione. Un incremento che si può ottenere promuovendo ecosistemi di servizi e di modelli di business integrati dove il valore aggiunto del componente, oltre che dalla qualità delle sue caratteristiche costruttive, deriva dal suo essere un facilitatore di servizi e di piattaforme che svolgono una funzione anticiclica sul piano della congiuntura economica e, di conseguenza, risultano essenziali per la sostenibilità dei modelli di business”.

Lo studio

Lo studio si basa su una valutazione del fatturato aggregato in famiglie e macro-famiglie di prodotto. Nello specifico, i codici aziendali vengono categorizzati, secondo una nomenclatura comune fornita da ANFIA, in 8 famiglie di prodotto, a loro volta aggregate in tre macro-famiglie (Motore&Trasmissione, Sopra-telaio e Sotto-telaio). La motivazione che ha guidato la scelta dell’accorpamento in macro-famiglie è dettata dalla necessità di assicurare la confidenzialità dei dati forniti dalle aziende partecipanti alla rilevazione e la rilevanza delle analisi, che hanno portato a definire due criteri vincolanti: la presenza di almeno 3 aziende coinvolte per ogni famiglia e una quota di fatturato dell’azienda leader di mercato inferiore al 50%. Dal momento che l’analisi delle singole famiglie non sempre consente di rispettare questi vincoli, si è proceduto con l’aggregazione nelle tre macro-famiglie menzionate.

I risultati

L’andamento del fatturato mensile aggregato per la macro-famiglia Motore&Trasmissione è stato caratterizzato da un andamento altalenante. Lo stesso comportamento, sebbene meno repentino, è stato rilevato anche per la macro-famiglia Sotto-telaio. Invece, per quanto concerne la macro-famiglia Sopra-telaio, il primo trimestre è stato caratterizzato da una costante crescita, a cui ha fatto seguito un andamento meno costante nella seconda parte del semestre.

Con riferimento alle variazioni percentuali del fatturato cumulato delle macro-famiglie rispetto agli anni precedenti, la macro-famiglia Motore&Trasmissione ha registrato un incremento del 7% rispetto al 2022, del 13% rispetto al 2021 e del 69% rispetto al 2020.
Anche la macro-famiglia Sotto-telaio ha evidenziato una variazione percentuale del fatturato cumulato positiva rispetto ai tre anni precedenti, pari a +11% rispetto al 2022, +8% rispetto al 2021 e +60% rispetto al 2020.

Diversamente, la macro-famiglia Sopra-telaio ha registrato, nel primo semestre 2023, una variazione percentuale del fatturato cumulato positiva sia rispetto al 2022 (+6%) sia rispetto al 2020 (+6%), ma negativa con riferimento al 2021 (-13%).

Valeria Di Rosa
Valeria Di Rosa
Coordinatrice editoriale di Trasportare Oggi in Europa. [email protected]
X