mercoledì, 29 Giugno 2022
HomeVeicoliNuovo Scania R620: il truck ora ti giudica

Nuovo Scania R620: il truck ora ti giudica

Riconfermato il generoso propulsore, a conferma dell'attualità della motorizzazione, la Casa svedese ridisegna la calandra, inserisce una nuova generazione del cambio automatizzato Opticruise e migliora l'abitabilità interna mantenendo al contempo il particolare carattere delle linee per non deludere gli affezionati “scanisti”

Lo si intuisce chiaramente dagli sguardi che i camionisti ci lanciano mentre percorriamo la tangenziale milanese… la nuova linea della serie R Scania incuriosisce e piace, senza ombra di dubbio. Alcuni inoltre, quando ci fermiamo in un'area di sosta autostradale per consumare un breve “coffee break” si avvicinano e si  informano circa le nuove caratteristiche di questo truck che, indubbiamente, è il sogno segreto di molti professionisti del trasporto pesante. “Lo stiamo testando” è stata la nostra risposta, “e quello che abbiamo visto sinora ci soddisfa parecchio”, ad iniziare dalle nuove linee della calandra ridisegnata con aperture orizzontali più ampie a garanzia di un maggiore flusso d'aria verso il radiatore.  

Le novità sono anche in cabina

Proseguiamo il Test Drive con questo truck che è stato oggetto di un consistente miglioramento da parte del centro studi Scania. L'obiettivo è chiarissimo: riconquistare, qualora ve ne fosse ancora la necessità, più comfort in cabina, dal momento che i competitors in questo particolare aspetto sono davvero agguerriti. Lo spazio interno è stato oggetto, quindi, di un gradevole restyling. Lo si evince dallo spazio tra i due sedili e la zona notte equipaggiata di lettino che si può allungare tra lo spazio dei due sedili. Interessanti gli accessori come il tavolino estraibile e la scaletta richiudibile. Obiettivo “aumento comfort” raggiunto sicuramente, insomma, soprattutto se si mette in conto che il “noise test” su questa cabina (Scania Topline) registrato a 85 km/h ha fatto fermare “la lancetta” del fonometro a quota 66 dB (A), valore davvero eccezionale per un veicolo pesante. 

Le altre innovazioni

Il veicolo utilizzato nel test drive Scania (LA4x2MNA Euro 5) è un vero concentrato di tecnologia. Sotto di noi i 620 Cv del 16 litri V8 Euro 5 con SCR (3.000 Nm a 1.000/1.400 g/min) trainano agevolmente il semirimorchio a pieno carico che ci portiamo appresso con una fluidità davvero eccellente, frutto del cambio automatizzato Opticruise di nuova generazione e grazie ad un nuovo attuatore elettroidraulico che, secondo Scania, offre una maggiore precisione nel controllo della frizione rispetto al tradizionale sistema pneumatico, oltre che nel nuovo software di controllo. Un sensore di inclinazione consente al cambio di comportarsi e simulare la guida di un vero driver “in carne ed ossa” ed i cambi di rapporto semplicemente non si avvertono, o quasi.

Questo veicolo dispone di ABS, EBD, ACC (Adaptive Cruise Control) per il mantenimento della velocità impostata, LDW (Lane Departure Warning) allarme per il superamento della linea di carreggiata, Ecocruise, freni a disco su tutte le ruote e di retarder. Che cosa volete di più… Ah! Dimenticavo: importantissimo per la sicurezza, lo Scania R 620 dispone anche di TPM (Tyre Pressure Monitoring), ovvero del controllo della pressione dei pneumatici visualizzabile direttamente nel display del cruscotto. Cruscotto che mostra una strumentazione ben visibile e completa e dove è possibile impostare “due campi programmabili” a nostro piacimento che il display dovrà visualizzare. Il volante incorpora diversi pulsanti che comandano il Cruise Control, la radio ed il computer di bordo ed è regolabile sia in altezza, sia in inclinazione.

 

Scania Driver Support

Per offrire davvero un aiuto concreto al conseguimento di una guida più consapevolmente ecologica, Scania ha sviluppato un software che tiene conto “online” dei comportamenti più o meno virtuosi del camionista. Attraverso alcune chiarissime icone sul display del cruscotto è possibile conoscere la valutazione che il computer stila riguardo la condotta di guida del conduttore del mezzo.

Brusche frenate, accelerazioni improvvise seguite immediatamente da decelerazioni rapide non fanno altro che determinare “voti” bassi. Al di là, comunque, del simpatico “gadget elettronico”, la funzionalità stimola sicuramente il driver  ad adottare comportamenti più intelligenti e regolari e contribuisce sicuramente, al risparmio di carburante. Ne discutiamo l'utilizzo e l'utilità con il driver Scania, Magnuz Haeger, che non si dimostra troppo contento per il punteggio conseguito oggi… Bisogna, comunque, mettere debitamente in conto che oggi il traffico sulla A4 non mancava ed il Driver Support non lo poteva sapere! Sempre in direzione del risparmio vanno viste le modifiche nella disposizione del telaio, come lo spostamento della batteria che permette di montare sui trattori 4×2 un serbatoio di gasolio da ben 1.500 litri che consente di effettuare i rifornimenti nei Paesi dove il carburante è più conveniente.  

Luca Barassi
Luca Barassi
Direttore editoriale e responsabile.
X