giovedì, 22 Febbraio 2024
HomeAssociazioni"Crisi Mar Rosso, pesanti ripercussioni anche su trasporto e logistica"

“Crisi Mar Rosso, pesanti ripercussioni anche su trasporto e logistica”

Così Cinzia Franchini presidente nazionale di Ruote Libere.

Tra fine dicembre e inizio gennaio il crollo dei transiti attraverso il Canale di Suez è stato del 38 per cento. Un’enormità se si pensa che Suez rappresenta il 12 per cento del commercio mondiale in termini di transito merci, il 30 per cento in fatto di container, il 10 per cento per i prodotti petroliferi raffinati, l’8 per cento per il gas naturale liquefatto e il 5 per cento per il greggio. Ora l’allargamento al Mar Rosso della crisi in Medio Oriente potrebbe pesare in modo drammatico sul commercio internazionale compromettendo una fetta rilevante dell’import-export italiano in considerazione del fatto che il 40% del traffico nazionale passa proprio attraverso il Canale di Suez“. A intervenire è la presidente di Ruote Libere Cinzia Franchini.
Gli attacchi dei ribelli anti occidentali e contro Israele alle navi in transito nel Mar Rosso stanno spingendo molti armatori a cambiare rotta e a circumnavigare l’Africa, allungando il percorso di 6.000 chilometri passando per il Capo di Buona Speranza e impiegando mediamente 14-15 giorni in più. Il risultato è che le merci in partenza dall’Asia impiegano meno tempo ad arrivare a Rotterdam che a Genova, Gioia Tauro o Trieste favorendo così i porti del Nord Europa, da Anversa ad Amburgo. In questo modo il Mediterraneo e i commerci con l’Asia rischiano di perdere volumi consistenti di traffico dopo anni in cui si è tanto investito sui porti italiani e si è lavorato per trasformare l’Italia in una piattaforma logistica interconnessa con gli altri porti del Mediterraneo – continua Cinzia Franchini -. Per queste motivazioni i prezzi dei container sono aumentati vertiginosamente. Sulla tratta Cina-Rotterdam, nell’ultimo mese il prezzo è passato da 1.600 dollari a 4.750 dollari. Lo stesso per la tratta Cina-Mediterraneo passata da 2.400 a 5.500 dollari”.
“Una situazione che se dovesse perdurare provocherà un aumento dei prezzi, compromettendo il lavoro in corso atto a contenere l’inflazione, e potrebbe inoltre creare anche difficoltà per le aziende nazionali che esportano verso la Cina e l’Oriente. Sul fronte dei trasporti è inevitabile che tutto il comparto legato alla logistica, movimentazione e trasporto delle merci sia già entrato in crisi – continua Cinzia Franchini -. Chiediamo al Governo di affrontare con tutte le parti coinvolte, compreso il mondo dell’autotrasporto, quanto sta avvenendo in Mar Rosso al fine di limitare i contraccolpi di questa crisi in particolare sull’autotrasporto e sulla logistica italiana”.
Redazione
Redazionehttps://www.trasportale.it
Il canale di informazione e comunicazione multimediale del mondo del trasporto.
X