lunedì, 5 Dicembre 2022
HomeUltim'ora9 giugno: incontro ai Trasporti

9 giugno: incontro ai Trasporti

Un'ampia delegazione governativa guidata dal ministro Altero Matteoli incontrerà le associazioni dell'autotrasporto. Potrebbero sbloccarsi alcune importanti questioni.

Il ministro dei Trasporti, Altero Matteoli, ha convocato un incontro con i rappresentanti dell'autotrasporto il 9 giugno, alle ore 17. Ha invitato le sigle riconosciute dal Governo, la Presidenza del Consiglio ed i rappresentanti dei ministeri degli Interni, Economia, Sviluppo Economico e del Lavoro. L'ordine del giorno dell'incontro è la verifica sui punti dell'attuale vertenza dell'autotrasporto.

Possibili risultati – Durante la riunione potrebbero chiudersi concretamente alcune questioni che restano ancora sospese. Prima tra tutte quella dell'Osservatorio sui costi, che negli ultimi mesi è rimasta sottotraccia, grazie alla forte diminuzione del prezzo del gasolio, ma che ora torna in primo piano, col barile che ha superato i 60 dollari e che si sta crescendo al ritmo di quasi un dollaro al giorno. Pare che finalmente il Consiglio di Stato stia esaminando il regolamento della Consulta per il Trasporto e, nel caso di risposta positiva, dovrebbe sbloccarsi anche l'Osservatorio.

Provvedimenti alla firma – Sarebbero prossimi alla firma anche altri provvedimenti richiesti dagli autotrasportatori: il decreto sul Fondo di Garanzia per il credito, il provvedimento sulla scheda di trasporto ed il protocollo del ministero degli Interni sui controlli. Quindi, Matteoli potrebbe presentarsi all'incontro con alcuni di questi documenti già firmati. Inoltre, dai primi di giugno dovrebbero partire anche i pagamenti degli incentivi Euro 5 relativi al 2007.

Sigle in agitazione –
Prima della riunione al ministero, si terrà il 30 maggio a Verona un'importante assemblea interregionale di Unatras, la federazione delle associazioni dell'autotrasporto che si sta maggiormente mobilitando nella vertenza con il Governo. Da questa riunione potrebbero giungere segnali sull'atteggiamento delle sigle rappresentate dalla federazione. Recentemente, il segretario di una di queste (Giovanni Montali della Fita-Cna) ha minacciato un fermo del settore, “Se il Governo non darà garanzie sugli aiuti al settore e sulle riforme normative”. Ma per vedere come si muoveranno concretamente le associazioni dell'autotrasporto bisognerà attendere l'incontro al ministero, che sarà seguito da due importanti appuntamenti: l'assemblea plenaria di Unatras (19 giugno a Roma) e quella generale di Anita (17 giugno a Roma).

Da Trasporto Europa

Luca Barassi
Luca Barassi
Direttore editoriale e responsabile.
X