domenica, 14 Luglio 2024
HomeLeggi e normativeTransizione Energetica in Italia: Il Piano PNIEC tra Ambizioni e Critiche

Transizione Energetica in Italia: Il Piano PNIEC tra Ambizioni e Critiche

Il Governo italiano ha presentato con grande entusiasmo il Piano Nazionale per l’Energia e il Clima (Pniec) a Bruxelles, un ambizioso progetto mirato a contrastare i cambiamenti climatici e raggiungere gli obiettivi fissati dall’Unione Europea. Le misure principali del piano si concentrano sulla riduzione delle emissioni di gas serra e sulla promozione di pratiche sostenibili per un futuro ecologicamente responsabile.

 

Punti chiave del PNIEC

Una delle strategie chiave del Pniec è ridurre l’inquinamento e le emissioni di CO2 puntando sullo smart working e sulla settimana corta di lavoro. Queste misure, parte integrante del Piano nazionale per l’Energia e il Clima, mirano a raggiungere gli obiettivi concordati in Europa per l’abbattimento delle emissioni nei prossimi decenni. L’attenzione è rivolta principalmente alla riduzione degli spostamenti inquinanti, promuovendo una maggiore mobilità pubblica ed elettrica.

Il governo italiano ha posto particolare enfasi su un approccio mirato per ridurre l’impatto ambientale dei trasporti. Verrà incentivato lo shift modale, ovvero il trasferimento degli spostamenti dal trasporto privato a quello pubblico, promuovendo l’utilizzo dei mezzi pubblici, il car sharing e il car pooling. Inoltre, la diffusione delle auto elettriche gioca un ruolo fondamentale per ridurre significativamente i gas di scarico responsabili dell’inquinamento atmosferico.

Il regolamento Ue 2023/857 (Effort Sharing o ESR) ha fissato obiettivi chiari, richiedendo una riduzione delle emissioni di CO2 del 43,7% rispetto ai livelli del 2005 in settori chiave come trasporti, residenziale, terziario, industria, rifiuti e agricoltura.

L’obiettivo del governo è quindi di ridurre le emissioni nei settori non ETS (Emission Trading System). I settori interessati sono appunto dei trasporti, dell’industria civile e dell’agricoltura. Per ora le stime ci restituiscono come percentuale di taglio della Co2 un 28,6 %. Questa decisione implica un cambiamento radicale nei modelli di produzione e consumo, ma è considerata essenziale per combattere efficacemente i cambiamenti climatici e limitare l’impatto ambientale.

 

Opinioni e critiche raccolte

La proposta della settimana corta è stata accolta con interesse da alcune fasce di lavoratori, che potrebbero beneficiare di un giorno di lavoro in meno a settimana mantenendo lo stesso numero di ore lavorative. Tuttavia, Confindustria mostra cautela riguardo alla fattibilità di questa misura, sottolineando la necessità di valutare attentamente le conseguenze sulle attività aziendali. La compatibilità con i modelli di produzione e il mantenimento dell’efficienza aziendale sono aspetti che richiedono un’attenta valutazione.

Inoltre, ci sono diverse opinioni tra le parti sociali riguardo all’attuazione di queste misure. La Cgil, Uil e Ugl richiedono una contrattazione adeguata per implementare la settimana corta, mentre il segretario generale dei metalmeccanici della Cisl è favorevole, ma sottolinea l’importanza di mantenere alti livelli di produttività per non compromettere la competitività delle imprese.

ECCO Climat, un think tank per il clima, ha messo in luce la principale mancanza del Piano Pniec: una strategia chiara e concreta per raggiungere l’obiettivo di neutralità climatica al 2050. Nonostante abbandoni l’approccio ottimista del suo predecessore, il Pniec 2019, il piano non offre un piano d’azione solido per affrontare la transizione dai combustibili fossili al sistema energetico sostenibile.

Un altro aspetto critico riguarda la percentuale di penetrazione delle fonti rinnovabili nel sistema elettrico. Il Piano Pniec non sembra garantire una transizione sufficientemente ambiziosa verso la produzione di energia elettrica sostanzialmente decarbonizzata entro il 2035, come richiesto dagli obiettivi del G7. Il Piano Pniec manca anche di basi metodologiche solide per la conciliazione delle questioni socio-economiche con quelle ambientali e climatiche e sembra non rispettare le linee guida per l’aggiornamento dei piani nazionali 2021-2030.

Nonostante le critiche, Chiara Di Mambro, responsabile politiche di decarbonizzazione di ECCO, riconosce l’importanza del Piano Pniec come punto di partenza. Tuttavia, sottolinea che vi sono ancora diverse lacune da colmare e ritiene fondamentale coinvolgere tutti gli attori e gli enti a più livelli nell’attuazione per migliorare il piano nei prossimi mesi.

 

In conclusione, il Piano Pniec rappresenta un punto di partenza importante per affrontare le sfide dei cambiamenti climatici, ma ci sono ancora diverse lacune da colmare. Il coinvolgimento di tutti gli attori e gli enti a più livelli nell’attuazione del Piano è fondamentale per migliorare il progetto nei prossimi mesi. Come il governo italiano intende affrontare le critiche riguardanti la mancanza di una strategia chiara per raggiungere la neutralità climatica al 2050? Quali saranno i passi successivi per colmare questa lacuna?Quali misure concrete verranno adottate per aumentare la penetrazione delle fonti rinnovabili nel sistema elettrico entro il 2035, rispettando gli obiettivi del G7?

Fonte: https://energia-luce.it/news/piano-pniec/

Luca Barassi
Luca Barassi
Direttore editoriale e responsabile
X