domenica, 25 Settembre 2022
HomeUltim'oraTorello è la prima azienda italiana a diventare membro IRU

Torello è la prima azienda italiana a diventare membro IRU

“Vogliamo avere il ruolo di protagonisti nella logistica europea, ecco perché abbiamo scelto di aderire ad IRU in autonomia. Siamo sicuri che con la nostra esperienza, unita ad IRU e a tutta la membership, possiamo contribuire in modo fattivo al miglioramento dell’intera industria logistica.” – con queste parole Antonio Torello ha sottolineato l’importanza e le motivazioni dell’adesione all’International Road Transport Union (IRU).

Torello è la capofila di altre 4 aziende che operano nel settore della logistica e trasporti su tutto il territorio europeo. Oggi il Gruppo impiega oltre 3200 unità, tra veicoli commerciali e industriali. L’azienda campana, grazie all’ampia esperienza maturata in quasi 50 anni di attività, sta focalizzando i suoi interessi sulla logistica green, la responsabilità sociale d’impresa, le certificazioni e la formazione – con particolare attenzione a quella dedicata agli autisti. Proprio questi ultimi e l’annosa questione della loro scarsità saranno i temi al centro delle attività di Torello in IRU, nell’immediato futuro. A ciò si sommeranno questioni non meno importanti: la decarbonizzazione, la digitalizzazione nonché la promozione di un settore non sempre rispettato.

“È un grande onore accogliere Torello nella famiglia IRU, la nostra prima azienda italiana a diventare membro nonché realtà leader della logistica e dei trasporti europei. Torello è un’azienda innovativa sotto molti aspetti come la digitalizzazione logistica, il servizio ai clienti, la CSR, la decarbonizzazione e la gestione dei talenti; queste caratteristiche saranno un plus per IRU nella risoluzione di temi d’interesse per le Istituzioni, i fornitori e i clienti dell’intero settore” – con queste parole Umberto de Pretto, Segretario Generale IRU, dà il benvenuto a Torello. Si apre così una stagione di grandi possibilità per tutto il Gruppo Torello.

Valeria Di Rosa
Valeria Di Rosa
Coordinatrice editoriale di Trasportare Oggi in Europa. [email protected]
X