giovedì, 18 Luglio 2024
HomeAftermarketZF: Una Marcia Sostenibile verso l'Economia Circolare

ZF: Una Marcia Sostenibile verso l’Economia Circolare

Il cambiamento climatico rappresenta una delle sfide più rilevanti del nostro tempo, e ZF, gruppo tecnologico internazionale, ha deciso di affrontarlo a testa alta. La sostenibilità è diventata un obiettivo centrale dell’azienda, con la rigenerazione in serie dei componenti usati che gioca un ruolo essenziale nel percorso per raggiungere la neutralità climatica. Questa pratica consente di ridurre il consumo di energia, materie prime e risorse, diminuendo significativamente l’impronta di CO₂ rispetto alla produzione di nuovi prodotti.

Con la rigenerazione in serie dei componenti di veicoli, è possibile risparmiare fino al 90% delle materie prime utilizzate per la produzione di ricambi nuovi. E l’utente può essere sicuro della qualità e delle prestazioni del componente“, spiega Tomasz Galazka, Head of Remanufacturing Strategy and Business Development di ZF. “Nei processi industriali utilizzati da ZF, i prodotti sono sempre aggiornati allo stato più attuale del nuovo, testati in conformità con le rigorose linee guida OE e accompagnati dallo stesso periodo di garanzia dei nostri prodotti nuovi“.

Il raggiungimento di un ciclo chiuso dei materiali è uno degli obiettivi centrali di sostenibilità per ZF, che si è posta l’ambizioso obiettivo di diventare neutrale dal punto di vista climatico entro il 2040. La rigenerazione è un elemento chiave di questa strategia e l’azienda vanta già una lunga e rispettata esperienza nella rigenerazione di ricambi automotive. ZF è oggi uno dei maggiori fornitori globali di ricambi rigenerati, offrendo oltre 5.500 prodotti diversi rigenerati in 20 sedi dislocate in tutto il mondo, spaziando dalle pinze freno ai sistemi sterzanti e ai cambi automatici.

Per ZF, è essenziale avere capacità di produzione in diverse regioni al fine di rispettare le restrizioni all’esportazione e all’importazione dei ricambi rigenerati, ma anche per ridurre gli impatti ambientali legati ai trasporti. Queste attività hanno consentito al Gruppo di evitare nel 2022 l’emissione di oltre 32.000 tonnellate di CO₂, rispetto alla produzione di ricambi nuovi.

La rigenerazione dei componenti è già parte integrante dello sviluppo dei prodotti di ZF, grazie al nuovo standard “Design for Sustainability”, che stabilisce i requisiti per i componenti che possono essere rigenerati. Questo guida un ciclo di vita del prodotto sostenibile e a basso consumo di risorse. L’azienda mira ad aumentare il numero di prodotti con i requisiti tecnici necessari per una “seconda vita”. Alcuni miglioramenti includono l’utilizzo di materiali più resistenti alla corrosione e l’adozione di tecnologie di connessione che facilitano lo smontaggio senza danni. ZF si impegna a includere nel ciclo dei materiali anche i componenti che attualmente non possono essere rigenerati in modo economico o fattibile.

Un nuovo progetto è focalizzato sulla rigenerazione dei componenti della trasmissione elettrica e dei sensori dei sistemi di assistenza alla guida. ZF sta conducendo uno studio di fattibilità per valutare il riutilizzo e l’aggiornamento di motori elettrici, batterie ad alta tensione, inverter e sistemi di telecamere.

ZF non vuole affrontare da sola la sfida dell’economia circolare, ma invita i clienti, i partner e le altre parti interessate a unirsi a questo impegno. La restituzione dei ricambi usati (“core”) per la rigenerazione è un passo fondamentale, e ZF Aftermarket sta intensificando le attività di comunicazione a livello globale sulla sostenibilità e la rigenerazione.

Philippe Colpron, responsabile di ZF Aftermarket, sottolinea: “Incoraggiamo i nostri clienti e partner a unirsi a noi per dare forma a un futuro più verde, partecipando attivamente alla catena del valore della rigenerazione“. Officine e clienti possono svolgere un ruolo cruciale nell’adottare ricambi rigenerati e restituire i core non danneggiati, contribuendo così all’economia circolare.

La rigenerazione è un processo industriale che trasforma i ricambi usati in componenti che possono svolgere la stessa funzione di quelli nuovi. Tutti i prodotti rigenerati di ZF sono sottoposti a test secondo gli standard OE e vantano la stessa garanzia di quelli nuovi. La definizione di rigenerazione è stata stabilita nel 2016 in collaborazione con diverse associazioni internazionali, e ZF segue rigorosamente questa metodologia per garantire la qualità e la sostenibilità dei suoi prodotti rigenerati.

Luca Barassi
Luca Barassi
Direttore editoriale e responsabile
X