sabato, 3 Dicembre 2022
HomeUltim'oraPalermo: 77% segnaletica stradale irregolare

Palermo: 77% segnaletica stradale irregolare

Continua il viaggio di Assosegnaletica (ANIMA/Confindustria) nei Comuni d’Italia per verificare lo stato della segnaletica. La prima tappa siciliana dell’indagine, Palermo, promossa da SicurAUTO.it, il primo portale italiano sulla sicurezza stradale, denuncia che il 77% dei segnali è irregolare.

In particolare, dal rilievo effettuato su alcune delle principali arterie palermitane (Viale della Favorita e Viale Regione Siciliana), i segnali non risultano conformi al Codice della Strada perché presentano misure e caratteristiche di rifrangenza differenti tra loro e nella gran parte dei casi sono coperti da vegetazione compromettendo una corretta visibilità e percezione del segnale da parte dei conducenti (art.39 Codice della Strada).

La maggior parte dei segnali risulta scaduta, quindi non conforme al D.M. 31/03/95 1584, perché non ottempera le caratteristiche di retroriflettenza, garantite dalle coordinate cromatiche, che consentono la giusta percezione di un segnale. Va considerato che le condizioni cromatiche delle pellicole risentono delle condizioni ambientali e nel caso del territorio siciliano hanno una durata più breve per l’intensità dei raggi solari.

Altro ostacolo per una corretta visibilità dei segnali è la presenza invasiva di cartelli pubblicitari che talvolta risultano persino installati nello stesso impianto in contrasto con l’art. 51 punto 4 del regolamento di esecuzione e attuazione del nuovo Codice della Strada (art.23 Codice della Strada).

Bocciata anche la segnaletica orizzontale, in alcuni punti inesistente, in altri sbiadita e incomprensibile. Allo stesso modo i guard-rail si presentano danneggiati e quindi pericolosi.

“L’invito rivolto alle amministrazioni locali è di prestare attenzione alla certificazione di prodotto nell’acquisto di segnali stradali verificandone la conformità al Codice della Strada – ha sottolineato il Consigliere di Assosegnaletica, Antonino Chillè che ha condotto l’indagine sul territorio”.

Luca Barassi
Luca Barassi
Direttore editoriale e responsabile.
X