mercoledì, 29 Giugno 2022
HomeLogisticaIl Porto di Mantova Valdaro apre le sue porte

Il Porto di Mantova Valdaro apre le sue porte

Venerdì e sabato prossimi il porto di Valdaro si presenterà ai cittadini, agli operatori della logistica e alle realtà produttive interessate all'utilizzo del sistema di trasporto fluviale con la manifestazione “Mantova Porto Aperto”, una due giorni di approfondimento organizzata dalla Provincia di Mantova al fine di promuovere la conoscenza e la fruizione dello scalo fluviale e delle vie navigabili per il trasporto delle merci.

Contemporaneamente agli incontri, ai convegni e workshop dedicati, una motonave sarà a disposizione di tutti coloro che vorranno saperne di più sulla via navigabile che scorre in territorio mantovano. Con partenza prevista dalla banchina del porto, i visitatori verranno accompagnati, prima attraverso le darsene, alla scoperta delle attività portuali e, in seguito, lungo il corso del canale, per raggiungere il porto di Governolo e la conca di San Leone, dove il canale entra nel Po.

I convegni in programma sono stati ideati per confrontarsi con gli operatori sulle opportunità di utilizzo della navigazione interna e fornire loro un adeguato aggiornamento sullo stato dei lavori finanziati dall'Unione Europea e volti a migliorare la dotazione dello scalo fluviale, come ad esempio, la conca, il porto e la bretella autostradale di Valdaro.

A completamento del programma, si terrà un incontro tra enti, associazioni e operatori, durante il quale verranno presentate le elaborazioni in corso per la redazione del programma di riqualificazione del sistema della navigazione (Masterplan), sulla base delle nuove esigenze di trasporto, delle criticità e delle potenzialità offerte dalle idrovie. All'iniziativa interverranno anche rappresentanti dell'Associazione dei Porti Bavaresi Tedeschi, del Propeller club di Ravenna e dell'INE (Inland Navigation Europe), per approfondire le rispettive conoscenze e creare opportunità di collaborazione tra soggetti pubblici e privati.

Da Informare

Luca Barassi
Luca Barassi
Direttore editoriale e responsabile.
Articolo precedenteNuovo format per Transpotec 2.0
Articolo successivoL’autunno caldo dei Tir
X