mercoledì, 1 Dicembre 2021

TruckPilot a guida autonoma di Amburgo con MAN e HHLA

Hamburg TruckPilot, MAN Truck & Bus e Hamburger Hafen und Logistik AG hanno presentato i risultati del progetto Hamburg TruckPilot all’ITS World Congress 2021 ad Amburgo.

“I progetti pilota come Hamburg TruckPilot dimostrano che l’impiego di camion a guida autonoma è tecnologicamente fattibile e può essere integrato in modo efficiente nei processi logistici. La guida autonoma cambierà le regole nei trasporti. In stretta collaborazione con clienti e partner, stiamo testando soluzioni pratiche di automazione con l’obiettivo di preparare i camion a guida autonoma per la produzione in serie a partire dal 2030”, ha dichiarato Frederik Zohm, membro del consiglio di amministrazione di MAN per la ricerca e lo sviluppo, sui risultati del progetto. L’amministratore delegato di HHLA Angela Titzrath ha sottolineato durante la conferenza stampa che la collaborazione con MAN è un passo importante e necessario per plasmare il futuro del trasporto merci: “Sta arrivando la guida autonoma e noi di HHLA ci stiamo preparando per questo. La logistica 4.0 offre opportunità su scala globale, ma dobbiamo essere aperti al cambiamento e mostrare coraggio. La guida autonoma e Hamburg TruckPilot sono ottimi esempi di processi trasformativi che vogliamo plasmare attivamente”.

Hamburg TruckPilot: lavoro pionieristico attraverso la cooperazione

MAN Truck & Bus e Hamburger Hafen und Logistik AG hanno completato con successo il progetto “Hamburg TruckPilot” nell’estate del 2021. L’obiettivo del progetto triennale, che faceva anche parte della partnership strategica per la mobilità tra la città di Amburgo e Volkswagen AG, includeva lo sviluppo e la sperimentazione pratica di un camion autonomo nella movimentazione di container presso l’HHLA Container Terminal Altenwerder (CTA). Durante i viaggi, il partner logistico Spedition Jakob Weets eK da Emden ha trasportato per la prima volta container da 40 piedi controllati da un autista per conto di Volkswagen Group Logistics al terminal CTA nel porto di Amburgo. Lì, il camion ha attraversato in modo autonomo l’area del terminal e si è mosso senza problemi nel traffico con altri utenti. Si è diretto verso la sua destinazione nella corsia di stoccaggio dei blocchi e ha anche manovrato in retromarcia con precisione nel parcheggio. Dopo la movimentazione dei container, il viaggio di ritorno al check gate è stato altrettanto autonomo e, oltre il terminal, l’autista della società di trasporti Jakob Weets eK ne ha ripreso il pieno comando.

Till Schlumberger, project manager di HHLA responsabile di Hamburg TruckPilot, ha ribadito quale successo pionieristico sia stato il test: “Con i suoi processi altamente automatizzati, HHLA Container Terminal Altenwerder è l’ambiente di test ideale per provare promettenti tecnologie future. Le nostre strutture operano 24 ore su 24, 7 giorni su 7, 360 giorni all’anno. L’integrazione sicura di camion autonomi nei processi del terminal è una grande sfida, perché i trasporti autonomi e tradizionali convivono. Con Hamburg TruckPilot, siamo stati in grado di dimostrare che questa applicazione è possibile e promettente nella pratica”. Sebastian Völl, Project Manager Hamburg TruckPilot presso MAN Truck & Bus, è molto soddisfatto dei risultati dei test pratici nel porto di Amburgo: “Hamburg TruckPilot è una pietra miliare importante per noi sulla strada della guida autonoma. Quando il nostro prototipo ha manovrato in modo indipendente in una corsia di stoccaggio per la prima volta, abbiamo visto che funzionava e che potevamo soddisfare i requisiti di elevata precisione. Nel muoversi attraverso il sito del terminal con molti altri camion controllati manualmente, tecnologia dei sensori, rilevamento dell’ambiente e sistemi di automazione hanno dimostrato un’interazione perfetta. Quando il primo container con un carico reale si è sollevato dal telaio durante le prove pratiche, sono stato molto orgoglioso di tutto il team! Possiamo sfruttare questa esperienza per molti progetti futuri”.

Allo stesso modo, in vista della guida autonoma tra i diversi hub logistici nel traffico hub-­to-­hub, i partner hanno già raccolto dati preziosi sui viaggi sulla A7 tra il Weets Container Terminal Soltau e l’area portuale a 70 chilometri di distanza. Ne beneficeranno anche i progetti di più ampia portata con operatività su strade pubbliche. Tali prove pratiche, sempre accompagnate da conducenti di sicurezza, saranno possibili anche al di fuori delle aree chiuse grazie alla legge tedesca sulla guida autonoma.

La Germania è motore dell’innovazione

Nel luglio 2021, la Repubblica federale tedesca è diventata il primo paese ad approvare una legge sulla guida autonoma. Questa norma consente l’uso di veicoli autonomi (Livello 4) in aree operative definite, come il traffico tra i terminali logistici e con un supervisore tecnico per monitorare i viaggi. Per il trasporto merci, i camion autonomi offrono tutta una serie di vantaggi. Hanno il potenziale per rendere i trasporti più efficienti, economici, affidabili, sostenibili e, soprattutto, più sicuri. Per Container Logistics 4.0 e Industry 4.0, i camion a guida autonoma rappresentano un elemento importante. Sono anche una soluzione alla carenza di autisti che sta causando sempre più problemi a molte aziende di trasporto.

Le prospettive sul futuro del trasporto merci si baseranno sul trasporto autonomo

Per sviluppare l’automazione, MAN prevede di avviare ulteriori progetti di cooperazione per l’utilizzo del trasporto autonomo hub-­to-­hub. Dalla metà del decennio sono ipotizzabili i primi test applicativi di autocarri MAN a guida autonoma integrati nei processi operativi delle aziende clienti. L’obiettivo è quello di poter realizzare camion a guida autonoma come soluzioni di serie dal 2030 in poi. In combinazione con veicoli a emissioni zero, questi non solo hanno il potenziale per aumentare la sicurezza e l’efficienza della logistica, ma anche per dare un importante contributo al trasporto merci a emissioni ridotte di CO2.

X