martedì, 16 Aprile 2024
HomeUltim'oraCriticità autotrasporto: le azioni di governo

Criticità autotrasporto: le azioni di governo

Nel corso dell'incontro di ieri a Roma con le associazioni del settore dell'autotrasporto il vice ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Mario Ciaccia (nella foto), ha illustrato le azioni attivate dal governo per dare soluzione ai problemi evidenziati dalla categoria (anche alla luce dell'imminente fermo nazionale proclamato dal 23 al 27 gennaio).

Ciaccia ha ricordato che rispetto agli anni scorsi sono stati accelerati gli adempimenti burocratici necessari per il rimborso 2011 delle accise sul gasolio: la delibera (n. 771) dell'Agenzia delle Dogane è stata infatti assunta già il 4 gennaio scorso e pertanto le imprese di autotrasporto possono presentare domanda per procedere alla compensazione alla prima scadenza utile. È stato inoltre intrapresa, con il ministero dell'Economia e delle finanze – ha aggiunto – la definizione della norma necessaria per consentire dal 2012 il rimborso su base almeno trimestrale e, sulla base della disponibilità dichiarata dal Ministero dell'Economia e delle Finanze, tale norma potrà pertanto essere inserita in uno dei prossimi provvedimenti legislativi in preparazione. Al riguardo è stato tenuto anche conto dell'esigenza di superare il limite di 250.000 euro annui attualmente previsto per le compensazioni.

Il vice ministro ha ricordato inoltre che il governo, in relazione all'aumento del costo delle assicurazioni, è intervenuto sia con una richiesta del capo di Gabinetto del ministero dello Sviluppo economico all'ANIA per attivare una verifica circa la situazione di aumento generalizzato dei premi assicurativi RCA sia con una segnalazione del vice ministro all'Antitrust per attivare una verifica sull'eventuale esistenza di intese o comunque di operazioni restrittive della concorrenza tra compagnie di assicurazione.

Ciaccia ha sottolineato anche gli interventi finanziari a favore del settore: è stato già attivato con il MEF – ha spiegato – l'iter per perfezionare tempestivamente, entro il corrente mese, il previsto decreto interministeriale di riparto dei fondi. Le risorse previste per il settore dalla Legge di Stabilità 2012 – ha precisato – non saranno soggette a riduzione e la ripartizione tiene conto delle intese già intercorse con le associazioni e della possibilità di utilizzare parte delle risorse per compensare gli effetti finanziari per il rimborso anticipato delle accise.

Sui costi minimi di esercizio – ha proseguito Ciaccia – il governo ha confermato di condividere la necessità di consentire agli autotrasportatori il riconoscimento dei costi incomprimibili della sicurezza, come già previsto dalle vigenti disposizioni ed al riguardo ha ricordato di aver già accolto un ordine del giorno del Parlamento in tal senso. Fermo restando quanto sopra – ha aggiunto il vice ministro – stante il preoccupante inasprirsi del confronto con la committenza, si ritiene opportuno, comunque, l'avvio di un confronto tecnico fra tutti i soggetti interessati finalizzato ad una semplificazione della norma che ne renda più praticabile l'applicazione e nel frattempo è stato riattivato con i ministeri interessati l'iter per il tempestivo perfezionamento del decreto che disciplina le procedure per l'applicazione delle sanzioni previste dalla norma.

Infine, in merito all'accesso alla professione con l'attuazione dello specifico Regolamento CE n. 1071/2009, Caccia ha spiegato che il governo, per garantire la regolarità del mercato e la professionalizzazione del settore, ha dichiarato la disponibilità a riesaminare ed approfondire la questione (ambito di applicazione, gestore dei trasporti, esenzione dall'esame di capacità professionale in caso di esperienza decennale), anche alla luce di quanto previsto da altri Paesi europei. Inoltre sono stati avviati approfondimenti, presso il MISE e con l'ABI, per quanto riguarda la concreta applicazione del Regolamento comunitario in relazione al rispetto del requisito di capacità finanziaria.

Nel corso dell'incontro il vice ministro ha sottolineato l'attenzione che il governo riserva ad un settore vitale per l'economia del Paese, richiamando nel contempo il senso di responsabilità che deve accomunare tutti nell'affrontare l'attuale situazione di crisi.

Da Informare

Luca Barassi
Luca Barassi
Direttore editoriale e responsabile.
X