venerdì, 23 Febbraio 2024
HomeAssociazioniSOS LOGistica presenta la piattaforma No Plastic Challenge

SOS LOGistica presenta la piattaforma No Plastic Challenge

L’assemblea dei soci SOS LOGistica presenta No Plastic Challenge, la piattaforma sviluppata con AMI e Università degli Studi di Milano Bicocca – Dipartimento di psicologia che si propone di ridurre l’impatto della plastica sull’ambiente. Durante l’assemblea approvato il bilancio di SOS LOGisitca e firmato il protocollo d’intesa con AMI e UBRI

L’assemblea dei soci SOS LOGistica ha approvato il bilancio 2022 della associazione.

Una assemblea che ha testimoniato anche per il 2022 numeri in crescita per la prima e unica associazione titolare del rating di sostenibilità logistica e impegnata dal 2005 per lo sviluppo di una logistica e mobilità sempre più sostenibile e resiliente. Crescono del 20% i soci collettivi e personali a fine 2022.

Nuovi soci per SOS LOGistica

Una prova di quanto sia importante e accreditato il riconoscimento sul ruolo di trasformazione culturale del settore e sulle competenze espresso dell’ecosistema di professionisti e aziende che animano attivamente SOS LOGistica e che operano tutto l’anno attraverso tavoli di lavoro tematici, come ad esempio quello sul greenwashing (Studio Legale LCA e Mediatyche) e quello sulla transizione energetica (Dinapsio, LC3, XMove, Comunità Energetiche, Kalmar) che durante la assemblea, mediante gli interventi di Davide Magnolia, Elena Rabaglio, Federica Marani e Alessandro Marsilio, hanno presentato un aggiornamento sulle principali tematiche affrontate durante l’anno passato.

Più in particolare, sono entrate in associazione nel 2022 le seguenti aziende: Gruppo Grendi, Interporto Toscano Amerigo Vespucci, Casilli Enterprise, Studio legale LCA, Uretek, Energo, IS Consulting, Comunità Energetiche, Kode, Rutilli. In crescita anche il gruppo delle start up innovative, cui si aggiungono LESS e CargoStart. Segnaliamo, infine, l’ingresso nell’ecosistema della Fondazione Slala – Sistema Logistico del Nord Ovest Italia – presieduta dall’Avv. Cesare Rossini, come esempio di rete tra associazioni, una manifestazione concreta di come creare sinergie tra entità no profit che condividono gli stessi scopi statutari, a beneficio di tutta la comunità. Infatti, nella sostenibilità il linguaggio è unico e siamo tutti portatori di interessi.

Il comitato scientifico accoglie un nuovo membro: Maria Elena Bruni, Professore Associato in ricerca operativa presso l’Università Della Calabria. Un’opportunità per sviluppare l’ecosistema dell’associazione nel Sud Italia.

Il consiglio direttivo accoglie un nuovo membro: Raffaello Cioni, Amministratore Delegato dell’Interporto Toscano Amerigo Vespucci, manager di lungo corso nel settore della logistica portuale.

SOS LOGistica presenta No Plastic Challenge

Nasce la piattaforma ‘No plastic challenge’, sviluppata da Ambiente Mare Italia, SOS LOGistica e Dipartimento di Psicologia dell’Università Bicocca con il co-finanziamento di Fondazione Cariplo, all’insegna di partecipazione e collaborazione.
L’obiettivo è ridurre l’impatto della plastica per tutelare l’ambiente.
Si tratta di un progetto di gamification per sensibilizzare in particolare la comunità di consumatori della regione Lombardia, ma non solo, e rappresenta un primo passo della collaborazione multidisciplinare e multisettoriale necessaria per una trasformazione sostenibile.
La registrazione alla piattaforma è gratuita e fornisce la possibilità di pubblicare delle sfide aperte al pubblico.

Firmato il protocollo d’intesa con AMI e UBRI

Durante l’evento di presentazione della piattaforma, svoltosi a Milano lo scorso 20 aprile, presso l’Accademia del Panino Italiano è stato inoltre siglato il Protocollo d’Intesa tra SOS LOGistica, AMI e Ubri (Unione dei brand della ristorazione italiana) per una collaborazione fattiva su obiettivi condivisi che si possa sviluppare nei prossimi mesi.

“Tutti sono connessi a tutti…” ha dichiarato Daniele Testi. “Andiamo oltre il mero ambientalismo: tramite i nostri gruppi di lavoro, l’interscambio di esperienze tra i soci, i contenuti e le proposte di azione come il rating di logistica sostenibile, proviamo a portare all’interno delle aziende, delle istituzioni e tra i consumatori una nuova cultura della sostenibilità, rendendoli agenti di cambiamento. Grazie ai convegni organizzati nei primi anni di vita dell’associazione con l’intervento di Premi Nobel ed economisti di fama internazionale, abbiamo sviluppato una particolare attenzione alla lettura dei segnali più deboli per anticipare le sfide e aiutare i nostri soci ad essere più competitivi. Anche nel 2023 lavoreremo per attrarre nella nostra orbita quelle aziende che davvero vorrebbero incorporare le sostenibilità nel loro modello di business ma ancora non hanno compreso pienamente come” ha concluso il presidente.

Redazione
Redazionehttps://www.trasportale.it
Il canale di informazione e comunicazione multimediale del mondo del trasporto.
X