martedì, 27 Febbraio 2024
HomeEventiSamoter e Asphaltica, con l'edizione 2023 il cantiere del futuro diventa realtà

Samoter e Asphaltica, con l’edizione 2023 il cantiere del futuro diventa realtà

Il 31° salone internazionale delle macchine per costruzioni e la fiera dedicata al mondo delle strade, organizzata insieme a SITEB-Strade Italiane e Bitumi, sono in programma dal 3 al 7 maggio.

Samoter ritorna con una 31ª edizione nel segno dell’innovazione. Dal 3 al 7 maggio 2023 il salone internazionale triennale dedicato alle macchine per costruzioni va in scena a Veronafiere: cinque giornate di manifestazione in cui sono protagoniste 536 aziende del settore, di cui 115 arrivate dall’estero, da 23 paesi. Sono 6 i padiglioni da visitare per un totale di oltre 50mila metri quadrati, a cui si sommano 3 aree esterne per l’esposizione e le aree demo per le prove dinamiche. Insieme a Samoter si svolge in contemporanea Asphaltica, salone dedicato a tecnologie e soluzioni per pavimentazioni stradali, sicurezza e infrastrutture viarie, promosso insieme a SITEB-Strade Italiane e Bitumi. Le due rassegne fieristiche sono state presentate questa mattina a Roma, nella sede del ministero delle Imprese e del Made in Italy. Sono intervenuti Adolfo Urso, ministro delle Imprese e del Made in Italy, Federico Bricolo, presidente di Veronafiere, Michele Turrini, presidente di SITEB, Nicola d’Arpino, vicepresidente di Unacea e Sara Quotti Tubi, event manager area Agritech di Veronafiere.

Samoter è l’unica manifestazione in Italia a dare voce alla filiera delle macchine per costruzioni nel suo complesso e in Europa costituisce il principale punto di riferimento nel 2023, con importanti presenze e ritorni tra i grandi costruttori internazionali del mondo dell’edilcantieristica legato a movimento terra, calcestruzzo, settore stradale, perforazione, frantumazione, sollevamento, veicoli, componenti e servizi. Unacea-Unione italiana macchine per costruzioni, partner di Samoter, stima il fatturato 2022 della produzione nazionale di macchine per costruzioni in circa 3,9 miliardi di euro, con una crescita del 15% sull’anno precedente.

L’export, pari a 3,1 miliardi, mostra un incremento del 9,7% rispetto al 2021. Segno più nel 2022 anche per il mercato costituito dalle macchine vendute in Italia, sia di produzione nazionale che estera, che totalizzano 29.613 unità (+16%). Samoter si conferma una piattaforma b2b di livello internazionale: quest’anno sono 106 i top buyer esteri selezionati, invitati e ospitati grazie agli investimenti di Veronafiere in collaborazione con ICE-Agenzia. I paesi target per l’incoming sono 32: Albania, Angola, Algeria, Azerbaijan, Brasile, Camerun, Colombia, Costa d’Avorio, Croazia, Danimarca, Ecuador, Egitto, Etiopia, Georgia, Ghana, Giordania, Kazakistan, Kenya, Libia, Polonia, Montenegro, Marocco, Mozambico, Macedonia del Nord, Romania, Arabia Saudita, Serbia, Slovenia, Tunisia, Turchia, Turkmenistan, Uzbekistan e Venezuela.

Per l’edizione 2023 la rassegna di Veronafiere punta i riflettori sul ruolo chiave che l’industria delle macchine per costruzioni è destinata a giocare nell’ambito della sostenibilità ambientale e nello sviluppo dei nuovi modelli economici: una svolta necessaria che va di pari passo con la rivoluzione 4.0. In questo scenario, Samoter è l’osservatorio privilegiato da cui scoprire il cantiere del futuro. Vanno in questa direzione le due grandi novità di questa edizione del salone. Il padiglione 12, infatti, ospita per la prima volta il Samoter Lab, l’area espositiva che riunisce le aziende che propongono soluzioni più innovative, a partire da quelle vincitrici della 24ª edizione dell’Innovation Award di Samoter, abbinate a percorsi di formazione e aggiornamento di altissimo profilo. Tra le tecnologie esposte: sensori, dispositivi per telerilevamento, strumenti di diagnostica, droni, mezzi ibridi ed elettrici per lavori in contesto urbano, macchine intelligenti e piattaforme digitali per l’interazione human-to-machine (H2M) e machine-to-machine (M2M), software per la gestione della sicurezza. Per mostrare in concreto la filosofia del Samoter Lab, l’appuntamento è poi nell’area esterna F con il Cantiere Digitale: uno spazio di 3mila metri quadrati dove macchine e tecnologie completamente automatizzate sono all’opera nella costruzione di un’infrastruttura stradale; l’iniziativa è realizzata in collaborazione con “Quelli del movimento terra”.

La 31ª edizione di Samoter rappresenta quindi una vetrina importante e l’appuntamento irrinunciabile per tutti i professionisti che operano nel comparto: un luogo di incontro e confronto che favorisce e supporta il business, fornendo al pubblico di operatori dati e spunti di riflessioni per analizzare al meglio il contesto attuale e le previsioni per il prossimo futuro. Il salone è molto atteso anche per il calendario di convegni e di workshop: grazie alla collaborazione con enti, centri di ricerca, università, editoria specializzata, associazioni e aziende, sono più di 80 gli appuntamenti in cui gli operatori possono cogliere anticipazioni e indicazioni di respiro internazionale. In primo piano c’è sempre l’innovazione tecnologica declinata nella transizione ecologica e digitale, insieme a sicurezza, formazione, noleggio, produttività, efficienza e nuove soluzioni per il cantiere e per le strade.

ASPHALTICA

Innovazione tecnologica, sostenibilità, sicurezza e PNRR sono i quattro pilastri dell’edizione di Asphaltica che vede a Veronafiere oltre 80 espositori mettere in mostra macchine stradali, tecnologie e soluzioni per pavimentazioni stradali sicure e a basso impatto ambientale; più di 30 tra convegni, workshop e approfondimenti e un’area esterna in cui sono esposte macchine e impianti e si terranno dimostrazioni demodinamiche. La manifestazione costituisce un momento di confronto per una filiera, quella legata al mondo dell’asfalto, che in Italia vale tra i 18 e i 20 miliardi di euro, con 400 impianti e 35mila addetti diretti che arrivano a 500mila considerando l’indotto (fonte SITEB). L’Agorà, organizzata da SITEB, ospita poi iniziative sui nuovi scenari per le smart & sustainable roads del futuro, con l’obiettivo di capire a che punto è la transizione green delle nostre strade e quali sono gli strumenti per rendere il patrimonio viario italiano più sicuro e ridurre ulteriormente l’impatto ambientale delle attività di costruzione e manutenzione.

Ferruccio Venturoli
Ferruccio Venturoli
Vicedirettore e co-conduttore Trasportare Oggi On Air [email protected]
X