mercoledì, 24 Aprile 2024
HomeLogisticaI pallet CHEP piacciono all'ambiente

I pallet CHEP piacciono all’ambiente

CHEP, leader mondiale nella fornitura di soluzioni di pooling di pallet e contenitori, annuncia oggi che i risultati di uno studio indipendente confermano che il sistema di pallet CHEP in Europa ha il minore impatto ambientale rispetto ad altri sistemi di movimentazione alternativi che utilizzano pallet bianchi in interscambio e pallet bianchi a perdere.

Questo studio rafforza la nostra opinione che CHEP è oggi il leader di mercato anche in termini di sostenibilità” commenta Juan José Freijo, CHEP Global Director of Sustainability. “Per conto di CHEP Europe abbiamo completato uno studio esaustivo sulla valutazione del ciclo di vita dei pallet e dei servizi CHEP. La valutazione è stata eseguita da Intertek-RDC Environment con sede a Bruxelles, una importante organizzazione di consulenza ambientale, ed è stata analizzata da specialisti indipendenti e per la certificazione ISO 14044.”

Lo studio sulla valutazione del ciclo di vita si è focalizzato su tre prodotti chiave di CHEP Europe: Euro Pallet (1200×800 mm), UK Pallet (1000×1200 mm) e Mezzopallet (600×800 mm). Intertek-RDC ha valutato l’impatto ambientale complessivo del loro intero ciclo di vita, dalla piantumazione e crescita degli alberi fino al riciclo al termine della loro vita utile.

I risultati dello studio hanno dimostrato che la soluzione di pooling CHEP genera il minore impatto ambientale in confronto ai sistemi di pallet bianchi presi in analisi. I vantaggi intrinseci dell’attività CHEP sono cruciali per il raggiungimento di questa performance ambientale. Tra i vantaggi offerti vi è l’uso di legname certificato, la più elevata efficienza di trasporto, minori perdite di attrezzatura e il riciclo dei pallet al termine della loro vita utile.

Abbiamo verificato che le emissioni e il consumo di risorse correlate all’uso di sistemi di pooling di pallet CHEP sono meno della metà rispetto all’uso di pallet bianchi in interscambio, e i rifiuti generati sono circa 18 volte inferiori a quelli prodotti dai pallet bianchi a perdere” continua Freijo. “Lo studio ci consente di fornire ai clienti CHEP le informazioni complete di cui necessitano per valutare l’ammontare delle emissioni di CO2 relative a imballaggio, trasporto e consegna delle proprie merci su pallet nella supply chain europea. La valutazione del ciclo di vita ci indica inoltre quali sono le aree sulle quali dobbiamo focalizzarci per ridurre ulteriormente le nostre emissioni e migliorare ancora di più la nostra impronta ambientale.”

Sulla base della metodologia applicata allo standard ISO 14044, un panel di 3 esperti indipendenti ha completato un’analisi critica per verificare la conformità ISO e rafforzarne la validità. Il panel comprendeva un esperto in valutazione del ciclo di vita di Solinnen, un esperto in logistica di CPV Associés (entrambi francesi) e un esperto in pallet della European Federation of Wooden Pallet & Packaging Manufacturers (FEFPEB). Il panel di esperti ha reso noto e convalidato la metodologia, la raccolta dei dati, i risultati e le conclusioni.

X