martedì, 18 Giugno 2024
HomeVeicoliProgettare il futuro con CST Logistica Trasporti, Leiballi&Cuzzuol e Scania

Progettare il futuro con CST Logistica Trasporti, Leiballi&Cuzzuol e Scania

CST Logistica Trasporti con Leiballi&Cuzzuol e Scania a favore della sostenibilità: le tre aziende collaboreranno un trasporto a zero emissioni concreto, efficace e a lungo termine

In occasione dell’evento “Ci muoviamo nel presente, progettando le soluzioni del futuro”, CST Logistica Trasporti, Scania e la concessionari Leiballi&Cuzzol e Scania hanno condiviso il proprio percorso verso la sostenibilità, mirando a realizzare una logistica e un trasporto più eco-friendly per raggiungere gli obiettivi dell’agenda 2030. L’evento, che si è tenuto a Scorzè lo scorso 1 giugno, si è concluso con la consegna di 7 veicoli Scania alimentati a LNG. Altri 40 Scania dotati della catena cinematica Super andranno a complatare la flotta di CST a breve.

CST Logistica Trasporti con Leiballi&Cuzzuol e Scania a favore della sostenibilità

Nel corso dei 40 anni di storia, CST ha consolidato la sua collaborazione con Scania, condividendo la visione di un mondo dei trasporti e della logistica sempre più sostenibile. Le due realtà lavorano insieme per progettare soluzioni future e perseguire attivamente obiettivi di sostenibilità in varie dimensioni, introducendo soluzioni efficienti e a basso impatto ambientale. Scania ritiene che l’introduzione di soluzioni elettrificate avverrà gradualmente nel corso di questo decennio e del prossimo. Tuttavia, i veicoli alimentati a (bio)metano possono già contribuire alla riduzione delle emissioni climalteranti, offrendo al contempo un’economia operativa vantaggiosa e un valore aggiunto per i clienti.

CST Logistica Trasporti ha dimostrato determinazione nel perseguire la sua rotta verso la sostenibilità nonostante le sfide economiche e la pandemia. Inoltre, ha ricevuto il supporto del concessionario Leiballi&Cuzzuol, che fornisce veicoli Scania e ha contribuito alla fornitura di soluzioni all’avanguardia in termini di tecnologia, ambiente e servizi.

Gli investimenti di CST Logistica Trasporti nel corso degli anni sono stati numerosi, e Scania Finance Italy, la finanziaria del Gruppo Scania in Italia, ha collaborato strettamente con l’azienda veneta, offrendo consulenza mirata e integrata al suo business.

La squadra di Scania Italia, composta da Daniel Dusatti (Direttore Vendite Veicoli), Stefano Pisoni (Area Manager) e Roberto Da Re (Area Manager di Scania Finance Italy), augura a CST Logistica Trasporti un futuro di successo nel perseguire la sostenibilità. Scania Italia esprime inoltre un particolare ringraziamento alla squadra di autisti e operatori del traffico di CST che hanno partecipato alla cerimonia di consegna dei veicoli Scania alimentati a LNG, tenutasi il 1° giugno 2023, interrompendo momentaneamente le proprie attività per partecipare all’evento.

La storia di CST Logistica Trasporti

CST Logistica Trasporti è un’azienda con origini che risalgono al 1984, fondata da Roberto Scarpa, un imprenditore veneto. Fin dai primi anni, l’azienda ha intrapreso attività nel settore dei trasporti, espandendosi e consolidandosi sulla strada dell’innovazione e della sostenibilità. Attualmente, CST vanta una flotta di 350 trattori stradali, di cui 160 alimentati a LNG, oltre a 600 semirimorchi. Dispone anche di 6 depositi, 3 magazzini di proprietà e oltre 60.000 metri quadri di spazio esterno per i clienti.

Il primo passo significativo nella storia di CST è stato compiuto nel 1990 con l’apertura di un’area logistica a Santa Maria di Sala (VE), che includeva anche un’officina meccanica. L’obiettivo era espandere il parco veicoli e garantire elevati standard di sicurezza attraverso una manutenzione preventiva dei mezzi in circolazione. Successivamente, nel 2006, con l’inaugurazione di un deposito di 35.000 metri quadri a Noale (VE), l’attività logistica di CST si è intensificata e consolidata.

La nascita di un polo logistico integrato

Un punto di svolta importante per l’organizzazione di CST è avvenuto nel 2014, quando è stato realizzato a Scorzè (VE) quello che viene definito un “polo logistico integrato”. Questa struttura comprende uffici, un deposito operante a tre diverse temperature (surgelati, freschi e freschissimi, temperatura ambiente), distributori di carburante diesel e LNG, stazioni di lavaggio e un’officina dedicata. Queste infrastrutture sono fondamentali per garantire la pulizia nelle missioni di trasporto di alimenti. I depositi di CST sono caratterizzati da un basso impatto ambientale, con illuminazione a LED e refrigerazione a CO2. L’autolavaggio dispone di un sistema di riciclo dell’acqua e riutilizzo dello stesso. Scorzè, insieme al polo più recente di Martellago, è una struttura all’avanguardia in termini di sostenibilità e innovazione, con una superficie complessiva di 150.000 metri quadri.

La centralità della sostenibilità

A partire dal 2014, la sostenibilità è diventata un elemento sostanziale e concreto nella strategia e nel piano di sviluppo dell’azienda. Nel 2017, CST Logistica Trasporti ha introdotto i primi cinquanta veicoli alimentati a LNG, diventando così uno dei principali precursori in Italia nel trasporto con carburanti alternativi. A quel tempo, il contesto nazionale era caratterizzato dalla mancanza di una rete diffusa di distributori di LNG, quindi l’azienda ha sviluppato la capacità di pianificare in modo scrupoloso le missioni e i servizi per i clienti. Nel 2019, per garantire maggiore indipendenza, CST ha aperto un distributore privato di LNG, il primo nel suo genere nel Triveneto. Nel corso degli anni, il rinnovo costante della flotta veicolare ha permesso a CST di sostenere la transizione verso un sistema di trasporto più sostenibile, con una flotta composta per oltre il 90% da veicoli Euro VI Diesel e LNG.

Contemporaneamente, attraverso la realizzazione di depositi di classe “A”, l’azienda ha risposto alla crescente domanda di importanti committenti in Italia e grandi marchi multinazionali interessati alla sostenibilità ambientale e al consumo energetico.

Non solo sostenibilità ambientale

La sostenibilità legata al benessere delle persone e delle comunità è un altro aspetto preso in considerazione da CST. Ad esempio, l’azienda ha introdotto la tecnologia per agevolare le operazioni nei depositi. Gli operatori utilizzano un sistema chiamato “Voice Picking”, che integra istruzioni vocali nei processi di movimentazione, carico e scarico delle merci. Questo sistema consente di offrire un servizio di eccellenza, riducendo gli errori a una media di uno ogni 10.000 colli prelevati. Inoltre, CST sta valutando l’utilizzo di robot per agevolare specifici flussi di merci all’interno dei depositi.

Un altro aspetto fondamentale per CST è garantire il benessere dei propri dipendenti e della comunità, sia dal punto di vista economico che sociale e ambientale. L’azienda si è posta la domanda su come dimostrare concretamente la qualità delle sue operazioni. Pertanto, ha intrapreso un percorso di certificazioni e accertamenti condotti da enti terzi. CST ha ottenuto importanti certificazioni, come la ISO 14001 per l’ambiente e la ISO 45001 per la salute e la sicurezza sul lavoro. Inoltre, ha focalizzato la sua attenzione su certificazioni specifiche del settore agroalimentare, come la ISO 20000, lo standard per i sistemi di gestione della sicurezza, e la ISO 28000, per la gestione della sicurezza all’interno della supply chain e l’implementazione di un adeguato sistema di monitoraggio dell’ambiente operativo. Inoltre, il conseguimento del TCR (Transport and Logistics Quality Rating) dimostra l’impegno di CST nel garantire l’affidabilità e promuovere una concorrenza equa e trasparente.

Redazione
Redazionehttps://www.trasportale.it
Il canale di informazione e comunicazione multimediale del mondo del trasporto.
X