sabato, 3 Dicembre 2022
HomeVeicoliClasse G Mercedes-Benz: made for lifetime

Classe G Mercedes-Benz: made for lifetime

Lamiere spesse sino a quattro millimetri, cofano calpestabile ed una filosofia costruttiva che pensa ad un veicolo speciale destinato a durare nel tempo.  Questa è la Classe G Mercedes. L'abbiamo testata sul circuito ASC (Automotive Safety Center) di Vairano di Vidigulfo (PV)

La sua storia è lunga più di 40 anni ed è stata scelta anche come vettura speciale per il Vaticano. Nel 1980 nasce la cosiddetta Papamobile e nel corso degli anni la Classe G ha beneficiato delle innovazione tecnologiche che via via si rendevano disponibili nelle vetture di serie. Sino ad oggi, con il nuovo veicolo definito da Mercedes Classe G Professional che racchiude la filosofia che è alla base del sistema: un prodotto sicuramente di ultranicchia di mercato destinato a durare nel tempo in considerazione delle caratteristiche singolari ed uniche di robustezza e di performance. La particolarità del modello si nota dal volume delle vendite che si è attestata nel Bel Paese intorno alle 73 unità/anno e che risulta, in tal modo, l'ottavo mercato a livello mondiale.

Cos'è la Classe G Professional Mercedes

Più di un fuoristrada con caratteristiche militari e, nel 2009 con 4.200 unità prodotte in tutto il mondo, eletta “migliore fuoristrada del mondo”. Oggi la versione 2010 della Classe G Mercedes viene equipaggiata con propulsori che rispettano la normativa antinquinamento Euro 5 ed è prodotta a Graz, in Austria, con criteri in gran parte artigianali. Siamo di fronte, insomma, ad un Off-road “puro e duro” pensato per chiunque debba lavorare, oppure (e perché no) divertirsi in condizioni climatiche ed ambientali davvero molto estreme ed è disponibile in tre versioni: Station Wagon, Van e Telaio cabinato. Si rivela adatta a servizi di pubblica utilità come protezione civile e servizi medici d'emergenza, mentre con omologazione N2 (Euro 5) può raggiungere una portata di 1.890 Kg. Le caratteristiche singolari della Classe G iniziano dal telaio che è separato dalla scocca al fine di ottenere una rigidità torsionale ottimale, alla trazione integrale permanente, dal ripartitore di coppia sincronizzato sino ai tre differenziali bloccabili elettricamente e singolarmente al 100 per cento. Ma è equipaggiata anche di un cambio automatico a cinque rapporti con Hill Start Holder con prestazioni fuoristradistiche assolutamente al top. Inclinazione laterale sino al 54 per cento, capacità di arrampicata all’80 per cento, angolo di scarpata anteriore di 36 gradi, profondità di guado (600 mm), altezza al suolo di 213 mm e angolo di superamento rampa di 23 gradi. La Classe G ha un passo lungo 2.850 mm con una portata di 990 chilogrammi disponibile con singolo o doppio sportellone, ma all'interno offre, tutto sommato, un buon livello di comfort anche se con allestimento spartano: l'airbag è solo per il conducente ma il climatizzatore e il volante in pelle sono di serie, mentre per ottemperare a criteri di sicurezza ed affidabilità utilizza uno specifico separatore di acqua dal filtro carburante, uno snorkel ed è equipaggiata di due alternatori e tre batterie da 60 Ah/400A. Cinque le motorizzazioni disponibili, dal nuovo diesel V6 tre litri da 184 Cv (400 Nm), sino al performante benzina V8 da ben 507 Cv (700 Nm). Molto interessante la motorizzazione G350 Bluetec a gasolio (211 CV 540 Nm) che ottempera già la severa normativa Euro 6.

Il test drive

Chi scrive è abituato a testare veicoli di ogni tipologia, ma provare un mezzo del genere ha la capacità di indurre un effetto adrenalinico. Lo si intuisce immediatamente che si è di fronte ad un veicolo particolare, sin da quando si apre il massiccio sportello e ci si accomoda all'interno nell'abitacolo. Ovunque si respira aria di concretezza e di assoluta robustezza, basta osservare la spessa piastra metallica dove è possibile selezionare le modalità di trazione e la cura estrema nella realizzazione dei “touch bottom”. Tutto è reso, comunque, assai semplice, grazie all'impiego del cambio automatico e alla potenza del propulsore, un rinnovato motore da 3.0 litri cDi da 184 Cv e 400 Nm di coppia, che viene erogata con eccezionale gradualità. Nelle ripide arrampicate ed al limite dal ribaltamento, in caso di fermata improvvisa, la funzionalità Hill Start Holder regala al conducente circa quattro secondi per consentirgli in tutta tranquillità di prendere la giusta decisione su cosa fare successivamente. Anche l'inserzione del cambio automatico è caratterizzata da grande precisione e morbidezza. Percorrendo il tracciato speciale per veicoli fuoristrada del circuito ASC di Vairano, il veicolo ha sfoggiato doti di grande stabilità che si traducono in una grande tranquillità per chiunque conduca questa Classe G Professional. Nell'abitacolo di questa “vettura” (lunga 464 cm e del peso di 2.465 Kg) ci si sente, insomma, protetti, forse per via dello spessore delle lamiere (4 mm)! Per diventare esclusivi e felici possessori di una Classe G è necessario investire 60.900 Euro per la versione 300 CDI Van, sino ai 132.840 per il modello Station Wagon con il propulsore da 507 Cv.    

Luca Barassi
Luca Barassi
Direttore editoriale e responsabile.
X