martedì, 25 Gennaio 2022

Bruxelles autorizza l’Ecobonus

Dopo una lunga fase di stallo, durante la quale le associazioni di categoria avevano paventato il rischio di un blocco definitivo dei fondi da parte dell’Europa, la Commissione europea ha autorizzato l’erogazione dell’“Ecobonus”, l’incentivo dato agli autotrasportatori per favorire il trasferimento delle merci dalla strada al mare.

A darne notizia è ANITA.

“L’autorizzazione ad erogare gli incentivi riveste notevole importanza per il settore dell’autotrasporto e accresce il valore e l’attendibilità del sistema di aiuti per il trasferimento dei mezzi pesanti dalla strada al mare – spiega Eleuterio Arcese presidente di ANITA, l’associazione italiana che rappresenta le più grandi imprese di autotrasporto in Italia ed Europa – è questa una conclusione degna di nota che soddisfa le aspettative del settore sulla vicenda dell’Ecobonus, un risultato che dimostra che l’azione congiunta di ANITA con il Ministero porta ad esiti positivi”.   La Commissione ha emanato tale proroga di un anno, anche tenendo conto delle osservazioni ricevute da tre associazioni di operatori del trasporto, ossia ANITA, CETM, Short Sea Promotion Centre. La decisione è stata presa, pur soggetta ad alcune condizioni, per il rallentamento economico dell’Italia e le sue ripercussioni sulle attività di trasporto.    a breve

A rimanere bloccati erano stati i contributi per il 2010 e il 2011, considerati dall’Europa “aiuti di Stato” e  per questo la Commissione aveva aperto una procedura di indagine. L’accordo per il 2007-2009 prevedeva infatti che gli autotrasportatori, dopo aver usufruito degli aiuti per i tre anni, si impegnassero a mantenere comunque la stessa quantità di traffici sui traghetti anche per il futuro, ma di mezzo, però, c’è stata la crisi mondiale.

X