giovedì, 13 Giugno 2024
HomeVeicoliInizia la vendita del nuovo MAN eTruck

Inizia la vendita del nuovo MAN eTruck

MAN Truck & Bus ha avviato le vendite dell’eTruck, il primo autocarro elettrico per carichi pesanti della sua storia aziendale, segnando un’altra pietra miliare nella decarbonizzazione del trasporto merci

Sono già stati effettuati 600 ordini. Le prime 200 unità saranno consegnate a clienti selezionati già nel 2024, prima che la produzione presso lo stabilimento MAN di Monaco di Baviera inizi in numero maggiore a partire dal 2025, quando gli ordini aumenteranno.

MAN Truck & Bus ha avviato le vendite dell’eTruck

Con l’eMobility Center, circa due anni fa MAN ha posto la prima pietra per lo sviluppo dei nuovi autocarri elettrici ad alto volume MAN eTGX e MAN eTGS presso lo stabilimento di Monaco e ha investito molto nei preparativi per la produzione mista di autocarri diesel ed elettrici. Da allora sono stati costruiti 50 prototipi e circa 4.000 dipendenti della produzione e delle vendite sono stati formati per il passaggio alla mobilità elettrica.

Presso lo stabilimento MAN di Norimberga, MAN sta investendo circa 100 milioni di euro per avviare la produzione di batterie. “Per raggiungere l’obiettivo di 1,5 gradi dell’Accordo sul clima di Parigi, noi come industria dei veicoli commerciali dobbiamo fare la nostra parte e ridurre in modo sostenibile le emissioni di CO2. I camion elettrici sono la chiave di volta. Come produttori di veicoli commerciali, negli ultimi anni ci siamo riposizionati per questa trasformazione epocale, rendendoci solidi e a prova di futuro per poter gestire gli elevati investimenti nella nuova tecnologia. Con la vendita dei nostri nuovi eTruck, ci stiamo lanciando in una nuova era di trasporti a impatto climatico zero. Già nel 2030, un camion MAN su due immatricolato in Europa dovrà essere elettrico. Per raggiungere questo obiettivo, tuttavia, un’infrastruttura di ricarica a livello nazionale è un prerequisito assoluto. Abbiamo quindi bisogno di un’espansione significativamente accelerata per raggiungere almeno 4.000 punti di ricarica megawatt in Germania e 50.000 punti di ricarica ad alta potenza e megawatt in Europa entro il 2030”, afferma Friedrich Baumann, membro del Consiglio Direttivo per le vendite e le soluzioni per i clienti di MAN Truck & Bus.

Per gli sviluppatori MAN è stato chiaro fin dall’inizio che il passaggio alla mobilità elettrica su scala nazionale sarebbe riuscito solo se il nuovo eTruck non avesse avuto nulla da invidiare a un autocarro diesel in termini di praticità e idoneità alle applicazioni, ma soprattutto in termini di combinabilità con un’ampia gamma di soluzioni di carrozzeria.

Altrettanto importante è la fase di consultazione che precede l’acquisto, base essenziale per un utilizzo di successo.

Da eConsulting a eServices

Mentre il personale addetto allo sviluppo si è impegnato a fondo per rendere l’azionamento elettrico degli autocarri adatto a tutti i settori di applicazione e utilizzo nel trasporto stradale, il team di MAN Transport Solutions è già al lavoro per preparare le aziende di trasporto a questa nuova era. Perché per arrivare all’eTruck è necessaria una trasformazione anche da parte degli utenti.

360 Degree eMobility Consulting fornisce supporto in questo processo. Oltre alla consulenza sui veicoli adatti, questo include anche la considerazione delle condizioni operative specifiche del cliente, come le fasi operative, compresa l’ottimizzazione dei costi, l’analisi dei percorsi, l’ottimizzazione della flotta e, sulla base di ciò, la necessaria consulenza sull’infrastruttura di ricarica.

Un ulteriore supporto è fornito da strumenti digitali come il nuovo MAN eReadyCheck, con il quale i clienti possono verificare come i loro percorsi di consegna possono essere guidati in modo puramente elettrico, o il MAN eManager, con il quale i gestori di flotte possono tenere sempre sotto controllo le informazioni importanti sullo stato di ricarica di tutti gli autocarri della flotta.

Al di là del prodotto e della sua applicazione, MAN è impegnata anche nell’espansione dell’infrastruttura di ricarica: insieme a Daimler Truck e al Gruppo Volvo, il GRUPPO TRATON ha fondato una joint venture per realizzare almeno 1.700 punti di ricarica ad alte prestazioni sulle autostrade e negli hub logistici in tutta Europa o nelle loro vicinanze.

Inoltre, MAN ha in portafoglio una propria offerta di infrastrutture di ricarica per i clienti. MAN collabora con produttori di infrastrutture di ricarica come ABB, Heliox e SBRS.

Batteria modulare e gamma di connessioni di ricarica

I nuovi MAN eTGX e MAN eTGS sono caratterizzati da un’elevata variabilità delle configurazioni delle batterie. Con sei pacchi batteria, di cui due installati sotto la cabina e fino ad altri quattro sui lati del telaio del veicolo, entrambi offrono fino a 480 kWh di capacità utilizzabile per un’autonomia giornaliera di 600-800 chilometri.

Sviluppate da MAN specificamente per l’uso nei veicoli commerciali, saranno prodotte in serie su larga scala nello stabilimento di Norimberga a partire dal 2025. Grazie alla chimica delle celle NMC e alla gestione della temperatura appositamente sviluppata, i pacchi batteria offrono un’elevata densità energetica, un design compatto, una lunga durata e una ricarica rapida, anche in presenza di una bassa carica residua della batteria e di basse temperature esterne. Ciò significa che è possibile scegliere la configurazione ottimale del veicolo in termini di autonomia, carico utile e tempo di ricarica per ogni caratteristica di applicazione: dalle consegne dei supermercati nel centro città, alla fornitura di materiali edili a livello regionale, fino al trasporto su lunghe distanze nella logistica di produzione.

Le operazioni nel trasporto di distribuzione urbano, per esempio, richiedono di solito escursioni giornaliere più brevi, fino a 250 chilometri, e la ricarica avviene durante la notte dopo i giri nel deposito logistico. Il concetto di batteria modulare del MAN eTGX e del MAN eTGS offre la possibilità di equipaggiare il veicolo con solo tre o quattro pacchi batteria invece di sei, riducendo così il peso del veicolo fino a 2,4 tonnellate per un maggiore carico utile disponibile e un consumo inferiore per carichi parziali o viaggi a vuoto.

Oltre allo standard CCS fino a 375 kW, MAN offrirà fin dall’inizio delle vendite lo standard di ricarica megawatt (MCS), molto più potente, per la ricarica intermedia veloce durante le pause di guida, che consentirà inizialmente 750 kW e, in una fase di espansione successiva, anche più di un megawatt di potenza di ricarica. Anche in questo caso, MAN ha pensato alla massima flessibilità possibile per l’utilizzo da parte dei clienti con diverse ubicazioni dei punti di ricarica nei depositi. Due collegamenti CCS possono essere combinati in modo variabile sul lato destro e sinistro dietro il passaruota anteriore o sul lato destro del telaio nella parte posteriore. Il collegamento MCS può essere ordinato anche a sinistra o a destra al posto di uno dei collegamenti CCS anteriori.

Il sistema di gestione delle batterie MAN assicura che le batterie siano sempre in condizioni operative ottimali per quanto riguarda lo stato di carica delle singole celle, il monitoraggio della tensione e della corrente, la regolazione ottimale della temperatura e il monitoraggio dell’isolamento durante la carica e la guida.

Posizionamento ottimale di batterie e unità di azionamento

L’architettura modulare delle batterie rende il MAN eTGX e il MAN eTGS particolarmente adatti alla carrozzeria. Grazie al posizionamento flessibile delle batterie, è possibile ricavare facilmente spazi liberi a sinistra o a destra del telaio per pompe ad alte prestazioni, spazi per lo stivaggio delle attrezzature, stabilizzatori per gru e altri componenti della carrozzeria con un maggiore fabbisogno di spazio. L’installazione standard di due batterie sotto la cabina di guida, simile a quella del motore a combustione nei veicoli convenzionali, garantisce inoltre una distribuzione favorevole dei pesi.

Anche il posizionamento dell’unità motrice centrale contribuisce a questo risultato. Essa si trova al centro del telaio e comprende il motore elettrico sincrono, l’inverter responsabile della conversione della corrente continua della batteria in corrente alternata e del controllo del motore, e la trasmissione a 2 o 4 velocità utilizzata a seconda del progetto di potenza, che aziona gli assi motore collaudati nella precedente gamma di veicoli tramite un albero cardanico convenzionale. A seconda della configurazione dell’applicazione, il motore elettrico produce 333 CV (254 kW), 449 CV (330 kW) o 544 CV (400 kW) con una coppia massima corrispondente di 800, 1.150 o 1.250 Nm.

A seconda delle esigenze di utilizzo del conducente, il motore elettrico può essere utilizzato come generatore durante le fasi di sorpasso e di frenata, riconvertendo l’energia cinetica del veicolo in energia elettrica. Le batterie vengono ricaricate durante il processo. La massima potenza di recupero possibile corrisponde alla potenza di trazione del motore elettrico ed è quindi paragonabile a quella degli attuali freni di fine corsa dei motori diesel ad alte prestazioni. Come per questi ultimi, il cambio automatico della trasmissione favorisce il miglior recupero possibile con l’aumento dei regimi del motore.

Allestibilità ottimale

I vantaggi del corpo di trasmissione elettrico del MAN eTGX e del MAN eTGS, per esempio rispetto ai concetti di e-axle o a progetti simili, sono, oltre a un ottimo carico utile dell’assale posteriore, un elevato livello di comfort di guida grazie alle basse masse non sospese e una buona protezione dell’unità di trasmissione, montata saldamente nel telaio, contro urti e vibrazioni. Inoltre, in questa posizione di montaggio è possibile integrare facilmente una presa di forza meccanica per le esigenze dell’allestitore, come i gruppi di raffreddamento o le pompe idrauliche, e anche il collegamento di una presa di forza elettromeccanica è semplice.

La combinazione complessiva tra il concetto di batteria modulare e il posizionamento dell’unità motrice, favorevole al carico utile e alla carrozzeria, consente inoltre di avere interassi molto ridotti a partire da 3,75 metri, il che rende possibile combinare il trattore per semirimorchi con tutte le più comuni varianti di semirimorchi entro le specifiche di lunghezza complessiva consentite.

Il design compatto delle batterie è anche il motivo per cui MAN può offrire il nuovo eTruck come variante di volume con un’altezza del telaio molto ridotta per i trasporti con un’altezza interna di tre metri. Il campo di applicazione è soprattutto la logistica di produzione, per esempio nell’industria automobilistica, che è particolarmente predestinata a un rapido passaggio dalla trazione diesel a quella elettrica grazie ai suoi profili di applicazione con i trasporti standard tra i centri logistici.

Guida rilassata con elevato comfort

I conducenti dei MAN eTGX e MAN eTGS non devono temere il contatto con la nuova tecnologia. All’interno delle cabine di guida vengono accolti dal familiare layout del cockpit incentrato sul conducente e dalla consueta logica di funzionamento, integrata da caratteristiche operative tipiche dei veicoli elettrici, come le impostazioni per l’uso ottimale del recupero, che comprende anche la funzione di frenata continua. Quest’ultima può essere azionata sia tramite la consueta leva sul piantone dello sterzo a destra del volante, sia tramite la modalità di guida selezionabile con un solo pedale. In questo caso, il recupero si attiva con intensità crescente quanto più il conducente riduce la pressione sul pedale dell’acceleratore. In questo modo, può regolare in modo sensibile la velocità di guida senza dover usare il freno di servizio e allo stesso tempo reimmettere l’energia cinetica del veicolo nelle batterie sotto forma di elettricità. Il quadro strumenti completamente digitale di nuova concezione fornisce informazioni sullo stato di carica delle batterie, sul consumo di energia e sul recupero di energia.

In un veicolo elettrico, l’energia delle batterie non viene utilizzata solo per la pura guida, ma anche per funzioni di comfort come il riscaldamento o il raffreddamento della cabina di guida. Per rendere tutto ciò il più efficiente possibile, la gestione termica complessiva del veicolo combina in modo intelligente i circuiti di raffreddamento del riscaldamento della cabina, dell’unità di trasmissione e la gestione della temperatura delle batterie ad alta tensione, in modo da utilizzare in modo efficiente il calore in eccesso generato durante il funzionamento per il riscaldamento della cabina e utilizzare l’energia supplementare delle batterie solo quando necessario. Questo garantisce un buon controllo della temperatura anche in condizioni invernali con tutte le dimensioni della cabina. Queste corrispondono pienamente alla gamma delle attuali serie diesel con una cabina larga per il MAN TGX e una più stretta per il MAN TGS, ciascuna disponibile in tre versioni di altezza del tetto.

Redazione
Redazionehttps://www.trasportale.it
Il canale di informazione e comunicazione multimediale del mondo del trasporto.
X