domenica, 25 Settembre 2022
HomeUltim'oraTrasportounito Fiap chiede una svolta

Trasportounito Fiap chiede una svolta

Occorre ripristinare le tariffe obbligatorie e congelare l’ingresso dei tir stranieri in Italia

Ripristinare per un anno le tariffe obbligatorie, rendere obbligatorio il pagamento delle fatture entro i 30 giorni, e congelare l’ingresso di operatori non italiani nel settore del cabotaggio nazionale.

Queste le richieste che oggi Trasportounito Fiap, per voce del suo Segretario Generale, Maurizio Longo, presenta al governo per fronteggiare l’emergenza autotrasporto.

Secondo Longo «E’ il paese a non potersi permettere oggi il collasso di un settore che comunque assicura più dell’85% dei trasporti di merce; settore che è in ginocchio e per il quale le “medicine scadute” riproposte in questi giorni, quale l’inserimento del gasolio in fattura nonché aiuti economici pluriannunciati e mai erogati, sono del tutto inefficaci».

«E’ giunto invece il momento – afferma il Segretario di Trasportounito Fiap – di una svolta sul piano degli interventi che il Governo dovrebbe assumere per tamponare la grave situazione di crisi. Occorrono interventi radicali come ad esempio il ripristino per un anno delle tariffe obbligatorie, il tassativo pagamento delle fatture a 30 giorni, la riduzione della filiera delle intermediazioni, l’emanazione di disposizioni restrittive sul cabotaggio stradale».

Trasportounito propone anche la costituzione di un ente in grado di assistere e di accompagnare alla chiusura le 20 mila imprese che si trovano nella fase prefallimentare.

«A parte l’ultimo intervento, per il quale sarebbero già disponibili risorse economiche, – specifica Longo – l’autotrasporto non chiede aiuti, bensì misure regolatorie del mercato che consentano di porre un freno allo strapotere contrattuale ed economico delle aziende committenti ed alla diffusa illegalità in cui sono costrette ad operare le imprese di autotrasporto per far fronte agli obblighi che sono costrette ad assumersi».

 Sono quindi atti straordinari quelli che l’associazione Trasportounito Fiap chiede al Ministro Matteoli, atti che «richiedono coraggio e rapidità in uno scenario di crisi senza precedenti che sta sfociando in troppe aree del paese in quella disperazione che troppo spesso diventa prodroma di tensioni sociali incontrollabili».

(Da Trasportounito Fiap)

 

 

Luca Barassi
Luca Barassi
Direttore editoriale e responsabile.
X