sabato, 3 Dicembre 2022
HomeVeicoliTest drive Scania: distribuire ecologicamente

Test drive Scania: distribuire ecologicamente

Il suo habitat preferito sono i centri cittadini, ma non disdegna anche le medie percorrenze. Di chi stiamo parlando? Dello Scania P280 DB4x2MLB, un due assi per la distribuzione che, nelle strette vie lecchesi, ha sfoggiato doti di maneggevolezza invidiabili.

Questo mese, insomma, siamo saliti a bordo di un veicolo dal marchio straconosciuto da tutti i camionisti e, nell'occasione, di verde “vestito”, un po’ forse per confondersi con lo sfondo delle montagne lecchesi, un po’ anche per ribadire la propria natura marcatamente ecologica per via della motorizzazione EEV caratterizzata da emissioni particolarmente contenute. La nostra meta ci ha condotto questa volta a Mandello del Lario accompagnati, durante tutto il test, da condizioni meteorologiche a dir poco “ostili”. La cosiddetta stagione “di mezzo” quest'anno stenta ad imporsi meteorologicamente e noi ne approfittiamo, comunque, per osservare come il veicolo si destreggia nel caotico traffico di tangenziali e strade cittadine.

A bordo

Saliamo sullo Scania P280 accomodandoci sul sedile del passeggero particolarmente comodo ed avvolgente (anche se non pneumatico). Lo stile ovunque è inconfondibile con un largo impiego di plastiche sì, ma di buona qualità e gradevoli “al tatto”. Il feeling è buono ed il volante, finemente regolabile, consente al guidatore una sistemazione ottimale della propria posizione di guida. Al centro del cockpit osserviamo un accessorio opzionale “caldamente” consigliabile (Interactor 300). Un navigatore satellitare, caratterizzato da un display particolarmente ampio (6,3 pollici) orientabile e con un'ottima risoluzione (1024 x 768). La mappa del percorso si snoda davanti ai nostri occhi in modo chiarissimo così come i nomi delle vie. Vero e proprio centro multimediale, l'Interactor 300 diventa anche una piccola postazione per inviare e ricevere messaggi (SMS) che vengono digitati facilmente grazie al display/tastiera touch screen a disposizione. In sostanza, i camionisti più “tecnologici” sicuramente lo avranno intuito, questo optional è in realtà un versatile computer di bordo che può essere utilizzato anche per la logistica dei trasporti (fleet management). Sull'ampio schermo il conducente può monitorare anche l'efficienza della sua guida visualizzando i dati istantanei sui consumi e lo sfruttamento della coppia motore. Il comfort in cabina è grande, confermato anche da un valore di “noise” rilevato a velocità costante su strada pianeggiante di 66 dB (A). Merito, soprattutto, anche alla sospensione pneumatica a quattro punti che consente di viaggiare con un corretto livello di assorbimento delle asperità del fondo stradale… né troppo “soft”, né troppo rigido. Ma la novità sostanziale è “sotto di noi” e consiste in un generoso propulsore estremamente ecologico da 280 Cv (1.400 Nm) che rispetta le rigide norme EEV. 4 tempi, 5 cilindri in linea, un 9 litri diesel ad iniezione diretta con turbocompressore, intercooler,EMS, sistema di iniezione ad alta pressione Scania XPI (2.400 bar), sistema di ricircolo dei gas di scarico Scania EGR ed infine filtro antiparticolato per abbattere ulteriormente le polveri sottili. Queste in sintesi le principali caratteristiche del propulsore Scania che, per ottemperare a precise norme antinquinamento, ha adottato in luogo ad additivi, un sofisticato sistema di ricircolo dei gas di scarico. Il propulsore è “affiancato” da un cambio automatico a otto rapporti (Opticruise) sempre nella logica di consentire al guidatore di concentrarsi unicamente sulla guida. Freni a disco su tutte le ruote ed ovviamente EBS (incluso ABS).

Gli optional disponibili

Chi scrive è particolarmente sensibile ed attento alle dotazioni di sicurezza che la tecnologia mette oggi a disposizione di automobilisti e camionisti. Tra i numerosi optional disponibili su questo veicolo, come il sedile riscaldato, oppure l'indicatore del carico su entrambi gli assi, ci permettiamo di consigliarne uno che, a nostro avviso, dovrebbe rientrare nelle dotazioni di serie di tutti i veicoli da trasporto. Il TPMS, ovvero (Tyre Pressure Monitoring Systems) che può essere richiesto negli optional per il controllo on-line della pressione dei pneumatici. Inutile commentare ulteriormente l'importanza, sottolineiamo “vitale”, di un simile accessorio. Il veicolo in prova questo mese ne era provvisto, così come dei fari allo xeno, mentre le luci di posizionamento del veicolo sono quelle longeve a “led”. Lo Scania P280, inoltre, per ottemperare alla direttiva CE del 2000/40 è dotato della protezione antincastro anteriore integrata nel paraurti.

Luca Barassi
Luca Barassi
Direttore editoriale e responsabile.
X