giovedì, 18 Agosto 2022
HomeEventiScania Top Team 2022-2023: vince Affini Service

Scania Top Team 2022-2023: vince Affini Service

Affini Service si aggiudica il titolo di Scania Top Team Italia 2022-2023: accederà alla semifinale europea a Bratislava ad ottobre 2022

Cinque squadre per un totale di venticinque tecnici d’officina, sabato 2 luglio 2022 si sono contese il titolo di “Scania Top Team Italia 2022-2023”, dimostrando in una serie di prove organizzate da Italscania a Trento, le loro competenze tecniche e il loro spirito di squadra. L’obiettivo di ogni squadra, composta da diverse figure specializzate quali meccanici, elettrauto, magazzinieri e service advisor, consisteva nel risolvere cinque prove nel minor tempo possibile.

In specifici scenari in cui si simulava, ad esempio, l’assemblaggio di un insieme di elettrovalvole sul nuovo cambio G33CM o la risoluzione di un malfunzionamento elettrico su di uno Scania Touring, si sono sfidate le seguenti squadre: Affini Service (Mantova), Emme Scandia Team (Lamezia Terme), Padova New Generation (Vigonza, PD), Power Team (Frosinone) e Scandirovigo Top Team (Stanghella, PD).

Affini Service si aggiudica il titolo di Scania Top Team Italia 2022-2023

La squadra che si è aggiudicata il titolo italiano di Scania Top Team 2022-2023 è stata Affini Service che ha spiccato per affiatamento dei membri del team e velocità di esecuzione. Omar Bernini (elettrauto), Luca Migliori (ricerca di componenti e fornitura di ricambi), Giuseppe Andreoli (capo meccanico), Lorenzo Manenti (elettrauto) e Christian Cordioli (specialista dei motori) rappresenteranno l’Italia nella semifinale europea che avrà luogo a Bratislava in ottobre 2022.

“Il valore più grande di questa competizione risiede nel mettere alla prova il lavoro di squadra, risultante sia da competenze tecniche, che da determinazione e orientamento allo studio”, ha evidenziato Fredrik Swartling, Direttore Service Sales and Operations di Italscania. “Scania con il Top Team offre il giusto contesto competitivo e incoraggia ogni singolo tecnico d’officina d’Italia a un costante aggiornamento. Far parte della rete Scania significa infatti poter contare su un eccellente programma di formazione in un’ottica di crescita e miglioramento continuo”, conclude Swartling.

“Sul lavoro, così come nello sport, il talento da solo non basta: l’eccellenza si raggiunge grazie ad un intenso allenamento, ad una squadra coesa e ad ottimi coach”, aggiunge Marta Mottana, Direttrice People & Culture di Italscania. “Il Top Team è uno dei nostri più importanti programmi che sostengono la cultura del risultato”, conclude la Mottana.

Scania Top Team: una competizione di lunga tradizione

La competizione Scania Top Team è nata nel 1989 con un’edizione che ha riguardato soltanto il mercato svedese. Da qui si è espansa prima a tutta la penisola scandinava e alla Danimarca, poi al resto d’Europa e infine a tutto il mondo. Un percorso di crescita continua: l’edizione 2015 è riuscita a coinvolgere oltre 60 team e 8 mila meccanici.

Un po’ di storia
  • 1989 Nasce la competizione Scania Top Team, con un’edizione unicamente svedese
  • 1996, 1998 e 2001 La competizione si estende a tutta la penisola scandinava e alla Danimarca
  • 2003 La competizione accoglie altri Paesi europei: vi partecipano 17 team provenienti da 17 diverse nazioni
  • 2005 Le nazioni partecipanti sono 21 e gli organizzatori decidono di selezionare i finalisti attraverso due semifinali, svolte in Ungheria e Danimarca
  • 2007 Si registrano 31 nazioni partecipanti. La finale ha luogo a Varsavia
  • 2011 Il numero di nazioni partecipanti sale a 44. La selezione per la finale si articola con una finale regionale in Asia, una finale regionale in Sud America e due finali regionali in Europa
  • 2013 Vengono organizzate 5 finali regionali
  • 2014 Diventano ben 62 le nazioni partecipanti. Tra loro le new entry: Myanmar, India, Giappone, Kazakistan e Georgia
  • 2015 Ha visto la partecipazione di 60 team e un totale di 8.000 meccanici
  • 2018 Un nuovo record, ben 70 paesi prendono parte alla competizione, con 6 finali regionali. Per la seconda volta la Nuova Zelanda si aggiudica il titolo mondiale
Valeria Di Rosa
Valeria Di Rosa
Coordinatrice editoriale di Trasportare Oggi in Europa. [email protected]
X