lunedì, 26 Settembre 2022
HomeLeggi e normativeRidurre l’inquinamento marittimo è una priorità

Ridurre l’inquinamento marittimo è una priorità

«Un tempo si diceva che ambiente e sviluppo fossero due scelte contrastanti; oggi possiamo dire, a ragione, che sono scelte assolutamente compatibili tra loro».

Per il commissario europeo ai Trasporti Antonio Tajani, che ha partecipato alla sessione conclusiva di Sport&ShippingTech, a Genova, la riduzione dell'inquinamento in campo marittimo è una priorità per l'Unione Europea.

«L'Ue – ha continuato Tajani – si sta muovendo in molte direzioni, anche perché la battaglia per la lotta all'inquinamento non deve avvantaggiare la concorrenza, ed è per questo che Barroso, Merkel, Berlusconi e tanti leader europei insistono perché anche Stati Uniti, India e Cina condividano i nostri obiettivi».

Le iniziative della Ue per ridurre l'inquinamento nel settore marittimo sono numerose.
Tra queste è allo studio un provvedimento sulla circolazione delle navi mercantili nei porti europei.

«Oggi – ha detto Tajani – una nave che entra in un porto europeo è costretta, una volta entrata in un secondo porto, sempre europeo, ad adempiere a tutte le stesse richieste che sono state soddisfatte nel primo.

Questo crea attese in rada che producono emissioni negative, per l'acqua e per l'aria.

Ritengo che attuare nel primo porto europeo tutte le procedure, senza ripeterle ogni volta, sia il migliore strumento per ridurre la sosta, oltre che agevolare le attivita' mercantili».

Da Logisticamente

Luca Barassi
Luca Barassi
Direttore editoriale e responsabile.
X