giovedì, 30 Giugno 2022
HomeLogisticaMercinTreno premia l’intermodalità

MercinTreno premia l’intermodalità

MercinTreno, il primo forum per lo sviluppo del trasporto ferroviario delle merci, premia l’intermodalità strada-rotaia: il migliore progetto del 2009 verrà onorato con la medaglia di rappresentanza che il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha voluto donare alla manifestazione, organizzata da Federmobilità, l’associazione che raggruppa i maggiori assessorati ai Trasporti italiani.

Il riconoscimento onora la seconda edizione dell’unica manifestazione nazionale a sostegno dell’intermodalità ferroviaria che quest’anno si terrà il 29 e 30 novembre presso la Facoltà di Ingegneria del’Università La Sapienza di Roma (Via Eudossiana, 18), a due passi dal Colosseo, avvalendosi anche del contributo scientifico del corso di laurea in Ingegneria dei Trasporti (www.mercintreno.it).

“Il settore da anni naviga a vista senza una reale strategia politica – sottolinea Alfredo Peri, presidente di Federmobilità e assessore ai Trasporti e alle Infrastrutture dell’Emilia-Romagna -  E’ evidente che  per rilanciarlo e arginare il vertiginoso calo del traffico registrato negli ultimi due anni non bastano interventi come il ferrobonus, che pur lodevoli nelle finalità, non incidono in alcun modo sulla attuale situazione. Occorrono politiche  programmatiche e di sostegno con l’obbiettivo di recuperare efficienza  e qualità dei servizi. La liberalizzazione che doveva  essere una opportunità ha invece accentuato la necessità di una regia capace di definire le regole per consentire il rilancio dell’intero sistema della logistica. Penso in particolare a tutte quelle misure che devono portare a un “dialogo/integrazione” costante fra ferro e gomma anche attraverso una maggiore definizione  dei ruoli fra  gestore dell’infrastrutture e i vecchi e nuovi operatori”.

Federmobilità, ha deciso di assegnare l’onorificenza ricevuta dal Capo dello Stato al migliore progetto presentato dai sostenitori della manifestazione: Anita, Assifer,  Assoferr, Bombardier, ChemOil,  Fercargo, Ferrovie dello Stato, Ferrovie dell’Emilia Romagna, Ignazio Messina & C. SpA , SbbCargo e Uir.

Una commissione, composta dai docenti  universitari che partecipano a  Mercintreno, segnalerà l’esperienza più meritevole tra quelle presentate dai sostenitori. I professori coinvolti sono Andrea Boitani, Università Cattolica di Milano, Franco Filippi, Università La Sapienza di Roma, Rocco Giordano, Antonio Musso, Università La Sapienza di Roma, Lanfranco Senn,  Università Bocconi di Milano e Stefano Zunarelli, Università di Bologna. La premiazione avverrà nel corso del convegno di apertura di MercinTreno, il 29 novembre prossimo (h. 10).

“Con Mercintreno vogliamo contribuire a rendere evidenti le anomalie di un sistema che non funziona. – chiarisce Annita Serio, direttore di Federmobilità – Da una parte il condiviso obiettivo “politico” del riequilibrio a favore della rotaia nell'attuale ripartizione modale ferro/gomma, dall’altra una situazione di vera insostenibilità per comportamenti e assenza di scelte. L’Associazione, con il conferimento della medaglia, vuole dare un concreto contributo al problema nella convinzione che l’iniziativa, per quanto simbolica, sottolinei comunque evidenze sottostimate e ignorate e premi comportamenti virtuosi”

Nell’edizione 2010 il Forum affronterà proprio il tema del rapporto tra il trasporto stradale e quello ferroviario. Un aspetto molto delicato visto che in Italia ancora più del 90 per cento delle merci viaggia sui Tir e solo un restante 10 per cento (valore comunque in calo) è spedito su ferrovia. Riuscirà la rotaia a riconquistare il terreno perduto nel trasporto delle merci? Quali sono i passi da fare per raggiungere un reale riequilibrio modale in Italia e in Europa? L'obiettivo di MercinTreno è di continuare ad attirare l'attenzione collettiva su queste tematiche, di divulgarne l'importanza, di monitorarne l'andamento e, nel caso, di suggerire strategie e interventi in grado di migliorare il settore.

Anche questa seconda edizione sarà caratterizzata da un convegno d'apertura dal titolo “Ferrovia-strada: la necessità di un dialogo”, al quale seguiranno, nel corso delle due giornate, sei appuntamenti più tecnici di approfondimento: “Combinato strada-rotaia: l’evoluzione di un sistema”, “Merci pericolose e le esigenze di un mercato”, “Come migliorare l’efficacia degli incentivi al settore”, “Il ruolo della pianificazione territoriale per una rete nazionale di interporti e terminal intermodali al servizio dell’economia”, “Aggiornamento della normativa europea e nazionale” e “Aree urbane e terminal intermodali: le opportunità di una convivenza problematica”.

Verrà proposto anche lo spazio Bacheca, un salotto dove gli operatori potranno esporre e illustrare prodotti, idee e progetti.

Forte dell'esperienza e del successo della scorsa edizione, MercinTreno intende confermarsi come l'unico appuntamento annuale in grado di riunire tutti gli operatori del settore – i rappresentanti dell'industria, delle istituzioni, della politica e  della ricerca – e di focalizzare l'attenzione sul tema del trasporto merci su ferrovia, un settore ancora poco conosciuto e rappresentato, se non dagli addetti ai lavori. In particolare, in questa edizione, saranno più di 65 i relatori chiamati ad intervenire sul tema durante i convegni e i seminari, mentre il sostegno alla manifestazione è decisamente cresciuto. MercinTreno 2010 può contare sul patrocinio istituzionale del Ministero dell’Ambiente, della Rappresentanza in Italia della Comunità Europea, del Comune di Roma, dell’Università La Sapienza di Roma, della Regione Emilia-Romagna, della Lombardia e della Puglia e dell’Uft (l’Ufficio federale dei Trasporti svizzero). I media partner sono: Il Sole 24 Ore Trasporti, Professione Camionista, il portale Trasporti-italia.com e MobilityLab

Luca Barassi
Luca Barassi
Direttore editoriale e responsabile.
X