domenica, 29 Maggio 2022
HomeLeggi e normativeFFS Cargo e Hupac fondano SBB Cargo International

FFS Cargo e Hupac fondano SBB Cargo International

FFS Cargo e l'operatore del traffico combinato Hupac fondano congiuntamente una società neutra e indipendente per il traffico di transito transalpino tra la Germania e l'Italia. Un sistema di produzione cadenzato e strutture più snelle permetteranno alla nuova azienda di diventare leader dell'asse nord-sud in materia di costi.
Per l'inizio del 2011, FFS Cargo e Hupac fonderanno una nuova impresa di trasporto ferroviaria che si concentrerà nella circolazione di treni compatti e del traffico combinato lungo l'asse nord-sud tra la Germania e l'Italia. Con questa soluzione, il Consiglio d'amministrazione delle FFS conferma quindi la sua decisione di principio, presa nel mese di febbraio, relativa al riorientamento strategico di FFS Cargo.
Azionisti della società saranno FFS Cargo (75%) e Hupac (25%), l'operatore leader nel traffico combinato lungo l'asse nord-sud. Rimane comunque possibile la parteci-pazione di altri partner. La nuova società dovrà permettere di approfondire il partenariato che esiste da decenni tra le due aziende. L'obiettivo è di creare e sviluppare congiuntamente un'impresa forte, neutra e vicina alle esigenze del mercato, specializzata nella trazione. L'ottimizzazione delle risorse su relazioni selezionate e il dimezzamento dei costi strutturali permetteranno di raggiungere la leadership in materia di costi nel segmento del traffico combinato. La nuova società, come azienda svizzera, darà molta importanza alla qualità. 
La clientela della nuova società sarà costituita in primo luogo da operatori del traffico combinato, che generano circa l'80% del fatturato complessivo previsto, valutato in 300 milioni di CHF. Sebbene Hupac sarà il maggiore cliente individuale, l'offerta si rivolgerà chiaramente anche ad altri grandi clienti: operatori, ma anche aziende di spedizione per ferrovia, altre ferrovie e singoli spedizionieri importanti. «Essenziale per noi, in qualità di impresa ferroviaria indipendente e neutra, è poter offrire sul mercato le nostre prestazioni di trazione tra la Germania e l'Italia. Ciò è nell'interesse di entrambi gli azionisti», spiega Nicolas Perrin, direttore di FFS Cargo.
L'asse nord-sud è dominato da parecchie imprese ferroviarie attive nel traffico merci. Oltre a FFS Cargo, diverse imprese fanno circolare treni merci lungo questo asse. La forte concorrenza comporta una notevole pressione sui prezzi e un indebolimento dei margini per gli specialisti della trazione. «Lo sviluppo deciso ci permette di rimanere attivi come impresa svizzera sull'asse europeo centrale del traffico merci. In vista dell'apertura della galleria di base del San Gottardo i due attori svizzeri più importanti devono unire le forze. Solo così avremo l'opportunità di rispondere, con soluzioni proprie, alla pressione delle ferrovie estere», spiega Hans-Jörg Bertschi, presidente del Consiglio d'amministrazione di Hupac. 

Offerta di trazione neutra per tutti i clienti, a condizioni identiche
Il modello aziendale del nuovo trasportatore è una novità nel settore del traffico merci su rotaia. Con la partecipazione di Hupac, per la prima volta i clienti del traffico combinato saranno corresponsabili della strategia e dello sviluppo di un'impresa ferroviaria. «Contrariamente alla tendenza in atto in Europa, abbiamo sviluppato un modello nell'ambito del quale non è la ferrovia che integra l'operatore del traffico combinato, ciò che gli esclude la sua libertà d'azione», afferma Hans-Jörg Bertschi. Nella nuova società ferroviaria entrano in gioco due partner indipendenti: FFS Cargo apporta risorse nel campo della trazione e know-how ferroviario, mentre Hupac vanta una presenza affermata sul mercato europeo e assorbe una parte importante del volume di trasporto. A livello strategico, Hupac contribuirà a imprimere attivamente lo sviluppo della nuova società in funzione delle esigenze del mercato, ciò che andrà a vantaggio di tutti i clienti del nuovo operatore. La clientela che fa capo a questo tipo di trasporto sostiene questo genere di collaborazione, poiché essa incoraggia la vicinanza al mercato e l'efficienza, e contribuisce alla liberalizzazione delle ferrovie. SBB Cargo International opererà in modo autonomo e garantirà la neutralità nei confronti di tutti i clienti. Obiettivo globale è offrire un servizio affidabile e l'utilizzo corretto e costantemente ottimizzato delle capacità.
 
Una sede lungo l'asse nord-sud
La nuova società offrirà circa 480 posti di lavoro, di cui 237 per macchinisti e 76 per il personale operativo. Pianificazione, disposizione e amministrazione conteranno circa 170 posti. SBB Cargo International farà capo dall'inizio al proprio personale di locomotiva attivo in Germania e in Italia. In Svizzera, in un primo tempo, il personale di locomotiva sarà preso a prestito da FFS Cargo.
Con lo scorporo del traffico internazionale nella nuova società, nei prossimi due anni FFS Cargo prevede di sopprimere 157 posti di lavoro; l'operazione si svolgerà in modo socialmente sostenibile. Nell'ambito dell'azienda comune, le FFS offriranno possibilità di riqualificazione e, grazie alla crescita in altri settori, potranno proporre anche nuove opportunità d'impiego. In questo contesto saranno sfruttate tutte le soluzioni disponibili sul mercato del lavoro FFS a livello di Gruppo, comprese le offerte in altri settori dell'azienda, il ricorso a fluttuazioni naturali, a pensionamenti anticipati e, se necessario, anche al collocamento esterno. Tra il personale soggetto al contratto collettivo di lavoro non vi saranno licenziamenti.
La nuova società avrà sede probabilmente nella regione di Basilea-Olten-Lucerna. La ricerca di un edificio amministrativo adeguato è in corso. Le sedi odierne dei depositi svizzeri situati lungo l'asse nord-sud saranno mantenute. Come novità i macchinisti saranno impiegati in misura maggiore all'interno di una nazione. Basilea costituirà il punto centrale del concetto di produzione per gli assi del San Gottardo e del Lötschberg. Il numero di macchinisti attivi nelle sedi di FFS Cargo in Ticino e nella Svizzera centrale sarà mantenuto nelle attuali dimensioni. In Germania, l'odierna sede del personale a Offenburg sarà trasferita a Mannheim a medio termine. Le altre sedi in Germania saranno per il momento mantenute. Le attuali società affiliate di produzione in Germania e in Italia saranno integrate nella nuova società. Chemoil, l'affiliata specializzata nel trasporto di oli minerali e prodotti chimici, rimarrà affiliata alla FFS Cargo SA.

Luca Barassi
Luca Barassi
Direttore editoriale e responsabile.
X