lunedì, 24 Gennaio 2022

Convenzione Alpi:stralciato protocollo trasporti

La Commissione Esteri della Camera ha approvato la Convenzione internazionale delle Alpi stralciando il Protocollo dei trasporti.

 

“Un primo risultato importante che mira ad evitare una normativa penalizzante per l’intero sistema economico nazionale e non solo per l’autotrasporto, ha dichiarato Giuseppina Della Pepa, Segretario Generale di ANITA. L’auspicio è che l’iter parlamentare confermi l’indirizzo segnato dalla Commissione Esteri della Camera e che il dibattito prosegua nel contesto internazionali con gli atri Paesi coinvolti nella Convenzione”.

La ratifica del Protocollo trasporti avrebbe sancito la rinuncia del nostro Paese alla costruzione e al potenziamento delle infrastrutture stradali sull’arco alpino, con un grave danno allo sviluppo dei traffici stradali sull’arco alpino, già fortemente penalizzato da misure restrittive di transito.

Nel corso degli ultimi anni, infatti, sono stati introdotti vincoli pesantissimi alla circolazione stradale da parte di alcuni Paesi dell’arco alpino, sia attraverso un incremento dei pedaggi per l’uso delle infrastrutture sia mediante sistemi di regolazione del traffico.

Tali scelte mirano a svantaggiare la strada e dirottare il traffico su ferrovia, con misure sempre più coercitive che impongono la scelta modale al vettore stradale. Invece, le modalità alternative al trasporto su gomma devono essere efficienti e convenienti per gli operatori e non rese obbligatorie con misure coercitive.

Da ANITA

X