giovedì, 30 Giugno 2022
HomeLogisticaSoste al porto di Genova: paga la committenza

Soste al porto di Genova: paga la committenza

Le associazioni di categoria dell'autotrasporto Anita, Ancst/Lega Cooperative, Confartigianato Trasporti, Cna/Fita, Fai/Conftrasporto e Trasportounito-Fiap hanno siglato un accordo con il quale stabiliscono che i compensi per le soste dei camion nel porto di Genova sono a carico dei committenti.

Obiettivo dell'intesa, che è già stata comunicata al presidente dell'Autorità Portuale di Genova, Luigi Merlo – hanno spiegato – è «di imprimere un cambiamento radicale al problema ormai cronicizzato dei disservizi del porto “pagati” dagli autotrasportatori».

Le stesse organizzazioni dell'autotrasporto riconoscono come il principio che stabilisce «il diritto dell'autotrasportatore ad essere risarcito dal committente in caso di ritardo nelle operazioni di carico o scarico al porto della merce» costituisca «una vera e propria rivoluzione» e sancisca «l'affermazione di un ruolo in porto che raramente l'autotrasporto ha visto riconosciuto con fatti concreti». Inoltre, «Genova – hanno sottolineato – potrebbe per altro rappresentare un precedente difficilmente trascurabile in altre realtà portuali nazionali».

In particolare, l'intesa prevede che sia la committenza a pagare il costo di queste attese per poi rifarsi sul responsabile, spedizioniere, agente marittimo, terminalista o armatore che sia. Secondo le associazioni dell'autotrasporto, questo radicale cambiamento «innescherà un circolo virtuoso, nel quale tutti verranno coinvolti e che porterà a migliorare l'operatività in porto».

L'intesa fissa in un'ora i normali tempi “per carico, scarico, operazioni documentali e dogana in ambito portuale. Qualora i tempi vengano superati, è dovuto al vettore, da parte del committente, per ogni frazione di ora eccedente i 15 minuti, il compenso di 70 euro. A tal fine il vettore emetterà, nei confronti del committente, regolare fattura per il servizio di trasporto riportante specifica voce: 'compensi determinati in base all'accordo del 23 settembre 2009 tra le associazioni dell'autotrasporto della provincia di Genova'”. Inoltre le imprese di autotrasporto esigeranno 100 euro in caso di cambio terminal durante lo scarico di un container o il ritiro di un contenitore vuoto.

Da Informare

Luca Barassi
Luca Barassi
Direttore editoriale e responsabile.
X