sabato, 25 Giugno 2022
HomeLogisticaNasce la Compagnia Italiana Rimorchi

Nasce la Compagnia Italiana Rimorchi

Tre importanti gruppi industriali hanno gettato le fondamenta di un nuovo grande polo italiano nel settore dei rimorchi e semirimorchi stradali. Acerbi-Viberti e Margaritelli, già aziende leader del mercato dei veicoli industriali trainati, insieme a Cln, gruppo di riferimento nella commercializzazione di laminati piani di acciaio e nella produzione di componenti per il settore automotive, hanno infatti siglato l'accordo che porterà alla costituzione della Compagnia Italiana Rimorchi.

Il Gruppo Acerbi-Viberti conferirà infatti nella nuova compagnia il ramo di azienda che fa riferimento al marchio Viberti, sinonimo riconosciuto di grande tradizione italiana e qualità nel settore dei rimorchi. Ad esso si affiancheranno, conferite dal Gruppo Margaritelli, le intere attività industriali connesse ai marchi Cardi e Merker A livello di integrazione verticale, il Gruppo C.L.N., controllato dalla famiglia Magnetto e partecipato anche dal Gruppo Arcelor Mittal, rafforzerà la nuova compagine industriale con una significativa integrazione della filiera a monte, attraverso la fornitura di materie prime e componenti in acciaio di nuova generazione.

Le attività industriali di Compagnia Italiana Rimorchi si svilupperanno su 3 unità produttive: lo storico stabilimento Viberti a Nichelino (To), quello Cardi a Verona, e il nuovo complesso produttivo Merker a Tocco da Casauria (Pe). Il Gruppo Acerbi proseguirà autonomamente la produzione di cisterne e ribaltabili in alluminio nello stabilimento di Castelnuovo Scrivia. Grazie a questa integrazione, Compagnia Italiana Rimorchi acquisisce la massa critica necessaria per competere a livello europeo e proporre con successo le riconosciute competenze e know-how italiani oltre i confini nazionali.

Attraverso i suoi marchi, la nuova Compagnia rappresenta già oggi largamente il primo produttore italiano, con una quota pari a circa il 20% del mercato nazionale, e uno tra i primi 10 a livello europeo. In totale, la nuova realtà potrà contare su una capacità produttiva installata di oltre 15.000 unità annue ed un organico di circa 400 persone. L'obiettivo della Compagnia è di consolidare la propria posizione sul mercato italiano, incrementando la propria quota di mercato, e di sviluppare una presenza organica sui mercati esteri, posizionandosi fra i primi 6 operatori europei del settore.

Da Tuttotrasporti

Luca Barassi
Luca Barassi
Direttore editoriale e responsabile.
X