venerdì, 28 Gennaio 2022

Iveco EcoDaily: 30 anni e non sentirli

Non è solo un trend, oppure una moda, ma una necessità inderogabile. In questi ultimi anni gli sforzi e gli studi del settore automotive si sono concretizzati in nuove “creature” da trasporto parche nei consumi ed estremamente “pulite”, in grado di percorrere i nostri centri cittadini senza ammorbare la già compromessa miscela d'aria che tutti noi necessariamente dobbiamo respirare. Seguendo questa impellente necessità, quindi, la squadra, o più precisamente la famiglia Daily, continuamente rinnovata nel corso dei suoi oltre 30 anni di vita, si arricchisce del suffisso Eco. Più che una sigla, una promessa, che ha il sapore di grande rispetto verso l'ambiente e, soprattutto, molto in anticipo rispetto ai requisiti previsti dalle attuali norme ambientali in vigore. EcoDaily oggi rispetta già l’omologazione EEV (Enhanced Environmentally Friendly Vehicle), in altre parole lo standard più rigido e severo previsto dalle normative Europee in tema di emissioni.

Una gamma esaustiva

Con la gamma EcoDaily, Iveco offre al pubblico professionale veicoli che garantiscono notevoli prestazioni ambientali con quattro motori ecologici: due Diesel che rispettano il severo standard EEV (Enhanced Environmentally Friendly Vehicle), un propulsore Bifuel metano-benzina (Natural Power) ottimizzato per un'alimentazione a gas naturale con un piccolo serbatoio di benzina ausiliario ed uno elettrico (EcoDaily Electric). Innovazioni tecnologiche che fanno di EcoDaily un veicolo equipaggiato per meglio rispondere alle esigenze di uno sviluppo sempre più sostenibile, senza però comprometterne le prestazioni, l'affidabilità e la robustezza. Le caratteristiche di robustezza, versatilità ecologia, capacità e di sicurezza hanno consentito a Iveco EcoDaily di ottenere un'ambita “nomination” in Francia. Il rinnovato veicolo della gamma leggera Iveco, è stato infatti eletto “Utilitarie de l'Année 2010” dal prestigioso settimanale francese “L'Argus de l'Automobile” nell'ambito di una manifestazione che si è svolta a Parigi nello splendido scenario della Torre Eiffel da una giuria composta da esperti del settore, giornalisti specializzati, noleggiatori, carrozzieri e utilizzatori di veicoli.

Completamente rinnovato

Anche se mantiene inalterata l'inconfondibile sagoma del “vecchio” modello, il nuovo EcoDaily ha subito pesanti ritocchi estetici, meccanici e funzionali (sicurezza). A partire dal telaio portante e alla nuova calandra ridisegnata con il paraurti in tinta, sino alle cerniere delle porte asimmetriche posteriori migliorate grazie ad un'apertura sino a 270 gradi per un'accessibilità al vano di carico davvero molto agevole. Allo scopo di ridurre la rumorosità della ventola motore (in presenza del climatizzatore) quest'ultima è stata equipaggiata di variatore a due velocità. Ciò contribuisce ad ridurre, di conseguenza, le attivazioni della ventola alla massima velocità. Ma è all'interno, in cabina, che l'EcoDaily rivela le sue caratteristiche di grande comfort “automobilistico” con una plancia più “user friendly”, materiali del cockpit più gradevoli e rivestimenti dei sedili in tessuto con poggiatesta. La gamma dei propulsori ha potuto giovarsi di una coppia incrementata che può, quindi, soddisfare tutte le esigenze della clientela professionale con potenze che spaziano dai 96 sino ai 176 cavalli. La flessibilità dell'offerta si declina e si può riassumere in questo numero: ben 7.000 configurazioni diverse, da 3,5 a 7 tonnellate di peso totale, con una vasta gamma di telai cabinati e furgoni da 7 a 17 m3 di capacità. E' sufficiente?

Test Drive

Arduo il compito di quale versione (fra le moltissime) di EcoDaily testare per il nostro lettore. Abbiamo avuto il piacere di provare il MidiVan 35S17, equipaggiato con propulsore di 4 cilindri in linea, 16 valvole con turbina doppio stadio da 2.998 cc., 170 cavalli con una coppia di 400 Nm, EEV con filtro antiparticolato (FAP) di serie. Il feeeling a bordo è pressochè immediato: grande visibilità ottenuta grazie anche ai grandi retrovisori e, per quanto, riguarda le manovre, la retrocamera posteriore ci assiste egregiamente. Un “must”, assolutamente da consigliare in tutte le versioni, specialmente nella nostra, lunga ben 7.012 mm! Il propulsore, oltre alla generosa potenza, dispone anche di una grande elasticità (merito della doppia turbina) ed il veicolo, seppur a pieno carico, conserva una buona agilità. Su questo veicolo sono di serie l'ESP (controllo della stabilità) che comprende ASR (controllo della trazione), ovviamente ABS ed EBD (correttore frenata), oltre all'Hill Holder (assistenza in salita). La manovrabilità, nonostante le generose dimensioni, è ottima (diametro volta 13.160 mm), mentre il vano di carico (volume 15,6 mc.) alle nostre spalle semplicemente sembra quasi non esistere, segno di una buona insonorizzazione della paratia antirumore. Mentre percorriamo gli oltre 140 chilometri del percorso che abbiamo selezionato da Torino a Rivarolo, passando per il famoso castello di Mazzè, siamo in grado di apprezzare le doti di stabilità del veicolo che, oltre al sistema ESP, include la funzionalità LAC (Load Adaptive Control). In sostanza il sistema identifica eventuali cambiamenti della massa del veicolo sul posizionamento del centro di gravità lungo l'asse longitudinale del mezzo e “adatta”, di conseguenza, gli interventi dei sistemi di sicurezza (ABS, ESP). Questo si traduce in un rollio molto più controllato e in una riduzione consistente del consumo delle pastiglie, grazie ad una distribuzione più efficiente delle forze frenanti. Il cruise control è un compagno di viaggio insostituibile, mentre in cabina il comfort delle dotazioni “multimediali” comprende una radio Blaupunkt Mp3, oltre al sistema Blue&Me (vivavoce) che utilizza la tecnologia di riconoscimento vocale. É in grado di rinoscere sino a cinque cellulari diversi con Bluetooth, connettendosi automaticamente ogni qualvolta si entra nel veicolo. Questo è particolarmente interessante quando l'EcoDaily viene utilizzato da più drivers.

X