mercoledì, 1 Dicembre 2021

La settimana di ECOMONDO 2021, come orientarsi

La manifestazione di Italian Exhibition Group dedicata all´economia circolare si svolge nel quartiere fieristico di Rimini, dal 26 al 29 ottobre prossimi, su due assi fondamentali: un dispiegamento completo delle filiere della Green Economy, con novità tecnologiche di settore e, nel calendario dei convegni organizzati dal comito scientifico presieduto dal professor Fabio Fava, la massima attenzione alle opportunità che il Pnrr e il Green Deal europeo aprono per imprese e amministrazioni pubbliche in Italia.

Con 220 buyer esteri provenienti dalle regioni dell´Africa della sponda mediterranea e subsahariana, dai Balcani, l´Est Europa e Russia, e dagli Emirati Arabi Uniti, Ecomondo e Key Energy favoriranno i buyer dei mercati più lontani con una estensione digitale degli incontri apertasi il 18 ottobre e che durerà sino al 5 novembre.

Dall´ingresso Ovest si incontra la prima novità del 2021: un´area di esposizione in esterno che accompagna verso l´area coperta occupata quasi nella totalità dai mezzi della raccolta e trasporto rifiuti: il salone biennale SAL.VE . in collaborazione con Anfia – mette insieme in un´unica vetrina telaisti e allestitori dei mezzi per l´igiene urbana e gli allestimenti per la raccolta differenziata. Tra novità e innovazione, Ecomondo compie poi un viaggio nella sanificazione degli ambienti, tema oggi imprescindibile. Novità anche per i sistemi di efficientamento idrico e il rischio idrogeologico; nel cuore della manifestazione troviamo la bioeconomia circolare e le start-up che in Fiera trovano uno spazio per esporre e, insieme, entrare nella filiera tecnologica dell´economia circolare e delle rinnovabili grazie alla collaborazione di ICE Agenzia. Alle nuove imprese che presentano le soluzioni più innovative per mitigare i cambiamenti climatici, andrà il premio ´Climate For Kick´ in collaborazione con Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile. L´edizione 2021 ha un marcato aspetto internazionale, grazie alla rete di collaborazioni che mette insieme le competenze di circa 80 associazioni internazionali d´impresa, della società civile e della ricerca.

Sul fronte della convegnistica, Ecomondo è caratterizzato da una forte presenza della Commissione Europea, che porta in Fiera la doppia strategia sul tema decarbonizzazione: riduzione dei gas climalteranti e rafforzamento della biodiversità attraverso la rigenerazione del suolo, delle foreste e dei mari che insieme contribuiscono ad assimilare più CO2, garantiscono la produzione di cibo e proteggono da future pandemie. Lo sguardo, dagli ´eventi faro´ ai casi di studio, punta all´intero bacino euro-mediterraneo. Attenzione anche alla formazione: ai casi di studio e agli aggiornamenti su normative europee e nazionali, si mette a fattore comune pubblica amministrazione e impresa. Tutti i convegni sono visibili in streaming e on demand dal 2 novembre.

STATI GENERALI DELLA GREEN ECONOMY

Per il decennale degli Stati Generali della Green Economy, appuntamento annuale promosso dalle 68 organizzazioni di imprese riunite nel Consiglio Nazionale della Green Economy e realizzato in collaborazione con il Ministero della Transizione Ecologica e Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile presieduta da Edo Ronchi, sarà presentata una ricerca inedita con focus su digitalizzazione e transizione ecologica in Italia.
La decima edizione degli Stati Generali della Green Economy è di retrospettiva e insieme di prospettiva sull´orizzonte 2030. Indaga i risultati ottenuti da un fenomeno, dieci anni fa di natura principalmente culturale prima ancora che di politica industriale, e oggi di portata europea grazie al Green Deal. In agenda, anche i costi della mancata transizione ecologica, i costi e i benefici di questa trasformazione storica per le imprese e un focus sulla bioeconomia rigenerativa nel settore dell´agroalimentare italiano.

IN FIERA BUSINESS IN TUTTA SICUREZZA

La visitazione in Fiera a Rimini è all´insegna della massima sicurezza: l´ingresso alle manifestazioni è consentito col Green Pass (che certifica o la vaccinazione o la guarigione dal Covid) e previo controllo della temperatura corporea e utilizzo della mascherina. Chi non fosse in possesso di Green Pass può presentare l´esito negativo di un tampone. Tra le altre misure messe in atto, quelle in conformità con il protocollo #Safebusiness di IEG e la certificazione GBAC STAR™, che permettono una serena permanenza in fiera a visitatori, espositori e operatori: l´obbligo della mascherina, la misurazione della temperatura in ingresso, la disposizione di dispenser gel per l´igienizzazione delle mani in tutti gli spazi espositivi.

I PADIGLIONI

Un layout funzionale e completo per Ecomondo. Italian Exhibition Group ha predisposto i vari padiglioni nell´ottica di offrire spazi di incontri business a tutte le imprese di Ecomondo, alla fiera di Rimini dal 26 al 29 ottobre.

La fiera si sviluppa su tutti i padiglioni del quartiere riminese, con un layout suddiviso per macro-cluster offrendo ai visitatori una lettura efficace dei contenuti.

Ecomondo e Key Energy si distendono su 27 padiglioni, nello specifico: C1-C2-C3-C4-C5-C6-C7 e A-1-A2-A3-A5-A6-A7 e D1-D2-D3-D4-D5 e B1-B2-B3-B4 e una parte del B5 sono i padiglioni che ospitano gli stand di Ecomondo dei quattro pilastri della green economy: bioeconomia circolare, gestione dei rifiuti e risorse, bonifiche e rischio idrogeologico, acqua; D6-D7-B6-B7 e una parte del B5 sono i padiglioni dedicati a Key Energy, dove sono rappresentate le energie rinnovabili: solare e storage, eolico, efficientamento energetico nell´industria e nel building, città sostenibili e, da quest´anno, mobilità elettrica, ne è il complemento.

L´Innovation Arena della Hall Sud ospita 32 startup e scale up per l´economia circolar e l´energia rinnovabile. L´iniziativa è promossa in collaborazione con ICE e ART.ER e offre momenti d´incontro tra giovani realtà e imprese della Green Economy.

Una parte del C3 (Agorà Redaim Expo) e C4 (Agorà Gemini) –C5-C6 e A-1-A2-A3-A5-A6-A7 e B1-B2-B3-B4 (presenti i workshop) e una parte del B5 sono i padiglioni che raggruppano le tecnologie e macchinari per il trattamento dei rifiuti, i sistemi di contenitori per tutti i tipi di rifiuti, le attrezzature e mezzi per raccolta e trasporto rifiuti, con focus sulla sanificazione; i macchinari e le attrezzature per la movimentazione e il sollevamento; il recupero, valorizzazione e servizi di gestione integrata dei vari materiali.

Presente anche Sal.ve, il salone dei veicoli per l´ecologia, organizzato in partnership con ANFIA nei padiglioni C7 e D7.

C1-C2 e una parte del C3 sono i padiglioni dedicati alla bonifica e rischio idrogeologico. Nello specifico gli espositori dell´area si concentreranno su tre punti: la decontaminazione e riqualificazione dei siti inquinati, del dissesto idrogeologico e riforestazione e della gestione sostenibile dei porti, dei sedimenti e delle coste, Marin litter, cantieristica e trasporto navale.

Due padiglioni, D1 e D5, è riservato alla Bioeconomia circolare, dove nell´ Agorà Blobased (D1) si racconta lo stato attuale delle bioenergie, dei biomateriali, dell´economia blu, ma anche dell´acquacoltura e pesca, dell´ecodesign e dei servizi di riparazione.

D2 (Agorà Global Water Expo) –D3-D4 (Agorà Monitoring & Control) ospitano le aziende che si occupano del riuso e riciclo delle acque reflue, delle soluzioni integrate per il monitoraggio, della gestione delle infrastrutture idriche, della digitalizzazione e dell´uso efficiente della risorsa idrica.

X