giovedì, 30 Giugno 2022
HomeLeggi e normativeDHL verso il container sharing

DHL verso il container sharing

La società tedesca presenta una ricerca svolta con l'Università di Brema per aumentare il fattore di carico dei container e delle casse mobili.

Uno dei modi per ridurre i costi del trasporto – nonché il suo impatto ambientale – è migliorare il fattore di carico degli autoveicoli. In tale direzione, DHL sta studiando una sorta di container sharing, in collaborazione con il Bremen Institute for Production and Logistics (BIBA) dell'Università di Brema. Il progetto si chiama Inwest, è partito all'inizio dello scorso anno ed è stato presentato al Transport Logistic di Monaco.

Questa soluzione si basa su una “scatola gialla” che viene installata sulle unità di carico e che è dotata di un tag RFID e di un sistema di posizionamento satellitare GPS. Questi apparati contengono tutte le informazioni sul carico e sulla posizione del veicolo. Uno specifico software raccoglie tali informazioni per programmare il percorso ed il trasporto, favorendo un secondo carico se l'unità non è completamente piena.

Per esempio, il sistema sa che una cassa mobile ha ancora spazio disponibile dopo un'operazione di carico. Inoltre, ne conosce posizione e percorso. Attraverso le reti telematiche, queste informazioni giungono agli spedizionieri e quelli più vicini al punto di presa e che hanno magari una spedizione per lo stesso punto di consegna, possono chiedere “al volo” di utilizzare lo spazio rimanente.

Da Trasporto Europa

Luca Barassi
Luca Barassi
Direttore editoriale e responsabile.
X