sabato, 3 Dicembre 2022
HomeInfrastruttureAntitrust e pedaggio: istruttoria su Autostrade per abuso di posizione dominante

Antitrust e pedaggio: istruttoria su Autostrade per abuso di posizione dominante

Secondo l’Autorità la società, tramite AISCAT, avrebbe attuato comportamenti per escludere e/o ostacolare l’ingresso di UnipolMove nel mercato del telepedaggio.

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha avviato un procedimento istruttorio nei confronti di Autostrade per l’Italia S.p.A per abuso di posizione dominante, posto in essere tramite l’Associazione Italiana Società Concessionarie Autostrade e Trafori – AISCAT, in violazione dell’art. 102 del Trattato sul Funzionamento dell’Unione Europea. L’ipotesi è che il comportamento messo in atto abbia escluso e/o ostacolato l’ingresso di nuovi fornitori nel mercato del telepedaggio.

L’istruttoria trae origine da una denuncia di UnipolTech S.p.A., ideatore del nuovo dispositivo di telepedaggio UnipolMove. Dagli elementi agli atti risulterebbe che Autostrade per l’Italia S.p.A., primaria concessionaria autostradale in Italia per porzione chilometrica gestita, attraverso il proprio ruolo decisionale predominante in sede associativa, si sia adoperata per mantenere in essere la storica chiusura del sistema nazionale del telepedaggio.

Allo stesso tempo, Autostrade per l’Italia S.p.A., tramite lo strumento associativo AISCAT, sembrerebbe avere tentato di “dirottare” gli operatori nuovi entranti verso il Sistema Europeo di Telepedaggio (SET) e il Sistema Interoperabile del Telepedaggio per Mezzi Pesanti (SIT-MP), più onerosi del sistema nazionale dal punto di vista dei requisiti richiesti per l’accreditamento e della relativa procedura, nonché delle condizioni applicate (discriminatorie rispetto a quelle applicate a Telepass per il sistema nazionale), sia  sotto il profilo contrattuale, sia sotto il profilo relativo alla possibilità di accordare alla clientela sconti, sia ancora sotto il profilo del trattamento dei cosiddetti errati transiti, cioè l’addebito all’utenza del pedaggio per un transito nonostante la mancata rilevazione del veicolo in entrata.

 

Inoltre, Autostrade per l’Italia avrebbe attuato ulteriori impedimenti e ritardi allo sviluppo del SET attraverso lo strumento associativo, in relazione all’adeguamento al SET di tutti i varchi autostradali e della relativa cartellonistica (ancora oggi non completamente implementati). L’inizio dell’abuso risalirebbe almeno a gennaio 2019, quando UnipolTech ha presentato una formale richiesta di accreditamento per svolgere il servizio di telepedaggio sulla rete autostradale italiana in concessione, a seguito della quale, l’associazione (dietro la quale agiva Autostrade per l’Italia S.p.A.) sembra aver procrastinato con comportamenti dilatori l’accreditamento della società al SET e imposto l’opzione per il solo SIT-MP. L’abuso sembrerebbe ancora in essere, dal momento che ad oggi persiste l’assoluta chiusura del sistema di telepedaggio nazionale e non è stato definitivamente implementato il sistema SET.

Oggi i funzionari dell’Autorità hanno svolto ispezioni nelle sedi dell’associazione, di Autostrade per l’Italia S.p.A. e di alcune società non parti del procedimento con l’ausilio del Nucleo Speciale Antitrust della Guardia di Finanza.

Redazione
Redazionehttps://www.trasportale.it
Il canale di informazione e comunicazione multimediale del mondo del trasporto.
X