mercoledì, 17 Aprile 2024
HomeLogisticaUPS aiuta UNICEF nel Sahel

UPS aiuta UNICEF nel Sahel

Con la malnutrizione a livelli di emergenza nella regione del Sahel in Africa occidentale e centrale, UPS, partner dell’UNICEF, è passato all’azione e ha offerto il primo trasporto aereo di quest’anno di beni salvavita alla Mauritania, paese nella regione interessata dall’emergenza umanitaria che sta colpendo almeno un milione di bambini.
Il volo di UPS è partito ieri di prima mattina da Colonia in Germania, con un carico di 46 tonnellate di beni di soccorso UNICEF tra cui cibo, acqua, medicinali, libri e prodotti per l’igiene.
UPS ha lavorato con l’UNICEF per coordinare velocemente la spedizione di beni di soccorso da diverse strutture, tra cui i magazzini dell’UNICEF di Copenhagen, Madrid, Lier e Tolosa, in modo da riuscire a effettuare la consegna in Mauritania domenica 22 aprile. Grazie al trasporto aereo, si riesce infatti a raggiungere le comunità colpite in tempi brevissimi.
“UPS è consapevole che durante le emergenze umanitarie è fondamentale trasportare i beni di soccorso velocemente e questo può fare la differenza tra la vita e la morte,” ha dichiarato Caryl Stern, Presidente e CEO del Fondo USA per l’UNICEF. “Siamo estremamente grati a UPS che ancora una volta ha messo a disposizione la sua esperienza e i suoi servizi, al fine di aiutare UNICEF a consegnare beni di soccorso che contribuiranno a salvare la vita a un milione di bambini a rischio nella regione del Sahel, nonché per il loro continuo supporto in situazioni di emergenza”.
UPS ha più volte sostenuto la rapidità e gli sforzi nei soccorsi operati dall’UNICEF: ha reagito al devastante terremoto che ha colpito Haiti nel 2010 mettendo a disposizione volontari ed esperti di logistica e trasporti, e ha donato un volo charter, con cui nel novembre 2011 sono state trasportate da Copenhagen a Nairobi 24 tonnellate di beni di primo soccorso dell’UNICEF, in aiuto ai bambini del Corno d’Africa, colpito da una grave siccità.
“La logistica gioca un ruolo estremamente importante quando si è di fronte a un’emergenza umanitaria e questo è il motivo per cui UPS ha offerto il suo aiuto per tanti anni, portando un supporto logistico in aree del mondo colpite da epidemie, siccità e altri disastri,” ha dichiarato Dan Brutto, Presidente di UPS International e membro del CdA del Fondo USA per l’UNICEF. “Per esempio, abbiamo da poco completato il trasporto a temperatura controllata di un vaccino per l’influenza dagli Stati Uniti al Laos. A causa della siccità nella regione del Sahel, milioni di vite sono a rischio e UPS è orgogliosa di lavorare con i nostri partner dell’UNICEF per offrire in modo tempestivo beni di soccorso alle persone dell’Africa occidentale e centrale.”
Si stima che 15 milioni di persone siano state colpite dalla siccità in 8 Paesi della regione del Sahel tra cui il Burkina Faso, il Ciad, il Mali, la Mauritania, il Niger, e il nord del Camerun, della Nigeria e del Senegal. L’UNICEF ha bisogno di più di 60 milioni di dollari per operazioni di primo soccorso per salvare le vite dei bambini e evitare un disastro umanitario.
In occasione di una recente visita nella regione, il direttore esecutivo dell’UNICEF Anthony Lake ha invocato un’intensificazione degli sforzi umanitari per portare a una soluzione della crisi. Le donne e i bambini del Sahel stanno subendo le conseguenze di molteplici fattori – raccolti scarsi per via della siccità, prezzi elevati dei beni alimentari e instabilità in diverse aree della regione. A causa dei recenti disordini in Mali, circa 200mila persone si sono spostate nei Paesi confinanti, tra cui la Mauritania, aggravandone la crisi alimentare.
In gennaio e febbraio, decine di migliaia di bambini hanno ricevuto assistenza medica per far fronte alla malnutrizione acuta presso centri di riabilitazione nutrizionale, che si stanno riempiendo sempre più in fretta con l’inizio della “stagione magra”. Il periodo che intercorre tra i raccolti è infatti il momento più difficile dell’anno, durante il quale la gestione della logistica risulta più difficile.

Luca Barassi
Luca Barassi
Direttore editoriale e responsabile.
X