sabato, 25 Giugno 2022
HomeLogisticaUirnet propone il federalismo logistico

Uirnet propone il federalismo logistico

Uirnet, società costituita nel 2005 dagli interporti italiani con l'obiettivo di realizzare una piattaforma nazionale hardware e software per la logistica integrata e l'intermodalità, punta ad un «federalismo logistico come strumento per ottimizzare l'utilizzo del territorio, tagliare le sacche di inefficienza e ridurre l'impatto del trasporto sull'ambiente, rendendolo territorialmente compatibile». Secondo l'azienda, il federalismo logistico può essere un «mezzo per controllare in modo efficiente gli accessi nel nostro Paese e nel nostro mercato di vettori stradali non italiani, ottenendo in tal modo il duplice risultato di alzare gli standard qualitativi di sicurezza e di mettere un freno alla concorrenza sleale che colpisce le imprese italiane».

La nuova strategia di Uirnet, che è stata presentata a Roma dal presidente della società, Rodolfo De Dominicis, verrebbe attuata con «una nuova svolta nel progetto di controllo satellitare dei flussi di merce e del trasporto sulle strade italiane, controllo finalizzato – ha ricordato l'azienda – a ottimizzare l'uso dei mezzi e delle infrastrutture, a incidere in modo concreto sulla sicurezza stradale, e favorire, attraverso la connessione fra i nodi della rete, lo sviluppo dei trasporti intermodali».

Con tale obiettivo Uirnet ha annunciato la costituzione di un network di società regionali che – ha spiegato la società – «erogheranno servizi a tutti gli operatori del territorio di riferimento, da quelli base di ottimizzazione nell'uso dei mezzi a quelli più articolati richiesti da ogni singola realtà territoriale. In queste società saranno invitate a partecipare con una quota di minoranza le Regioni (probabilmente attraverso le finanziarie regionali), mentre una quota maggiore sarà messa a gara per partners privati».

A ciò Uirnet affiancherà un progetto per «mettere sotto controllo i flussi dei vettori stranieri, sottoponendo i mezzi non italiani, a un sistema di monitoraggio. Proprio recentemente il parlamento europeo – ha ricordato la società – ha licenziato il nuovo Road Transport Packagee invitando i Paesi membri a definire sistemi di controllo sul cabotaggio, facendosi carico per la prima volta dell'esistenza di un problema: la ormai generalizzata invasione dei mercati nazionali del trasporto su gomma da parte di operatori (in gran parte dell'Est europeo) che non rispettano le basilari misure di sicurezza e che operano in aperta violazione delle regole, annientando sotto i colpi di una concorrenza sleale, le imprese nazionali di autotrasporto». «Uirnet, attraverso le società regionali e un sistema di monitoraggio ad hoc – ha precisato l'azienda – si candida a svolgere questa attività di verifica e controllo anche sulle operazioni che i vettori esteri compiono sul territorio italiano».

Da Informare

Luca Barassi
Luca Barassi
Direttore editoriale e responsabile.
X