sabato, 28 Maggio 2022
HomeUltim'oraTranspotec2.0: tempo di bilanci e rilanci

Transpotec2.0: tempo di bilanci e rilanci

Il Transpotec2.0 prima edizione va in archivio con un bilancio positivo e lusinghiero. In un anno fortemente penalizzato dalla crisi economica e soprattutto dalla scarsa fiducia nell’immediato futuro, gli appassionati milanesi e lombardi non hanno mancato di dare il loro appoggio a un evento che rischiava di mancare da un panorama fieristico di settore già fortemente impoverito.

Grazie a una formula originale, snella e adeguata al momento, il Transpotec2.0, all’insegna dell’innovazione, ha potuto contare su circa 18.000 presenze, declinate in oltre 500 schede di prova veicoli (per la quasi totalità disponibili solo per le patenti professionali), per metà padroncini e per metà autisti. La lunghezza del circuito ha tradotto questi test in una percorrenza complessiva, nei 3 giorni, di oltre 5.500 chilometri.

Il Transpotec2.0 non è stato soltanto un’immersione nel mondo dei veicoli da lavoro: decine di veicoli decorati hanno infatti impreziosito il piazzale e il padiglione. Il relativo premio, assegnato da una giuria presieduta dal maestro Nino Mustica, ha visto l’affermazione del Volvo FH12 “Gli Intoccabili”, un vero capolavoro, davanti al Kenworth “American Dream” e allo Scania musone “Il Gladiatore”. Sempre nel campo dei riconoscimenti, l’ambito Premio Innovazione è andato alla società Easy Transport, per il suo software di posizionamento trasporti eccezionali.

Altra parte fondamentale del Transpotec2.0 la sezione convegni, 13 in tutto, dei quali sei, gli Stati Generali dell’Autotrasporto, organizzati direttamente da “Vie & Trasporti”, testata responsabile di tutti i contenuti e dell’area test. In totale, oltre 50 qualificatissimi relatori, con in testa il Viceministro alle Infrastrutture e Trasporti, Bartolomeo Giachino, oltre alla presenza, in chiusura di Salone, del Ministro della Difesa, Ignazio La Russa.

Risultati importanti, conseguiti nonostante il difficilissimo periodo e il poco tempo a disposizione per organizzare un evento di così larga portata.

Risultati che rilanciano questa formula, a breve, verso la seconda edizione del Transpotec2.0

Luca Barassi
Luca Barassi
Direttore editoriale e responsabile.
X