venerdì, 28 Gennaio 2022

Porto Venezia: verso l’informatizzazione delle pratiche doganali

Il Presidente dell’Autorità Portuale di Venezia Paolo Costa e il Presidente di Assosped Venezia Andrea Cosentino, alla presenza del Presidente di Nethun Ugo Campaner, hanno siglato  un accordo di collaborazione che rivoluzionerà la gestione delle pratiche di carico e scarico delle merci in arrivo e partenza dallo scalo lagunare.
Associazione degli Spedizionieri e Autorità Portuale con questo accordo, mirano a migliorare l’efficienza delle operazione di gestione delle merci in import/export che transitano per il porto di Venezia, incrementando così l’attrattività e la competitività del porto stesso ed apportando benefici immediati per l’intera comunità portuale, dagli Agenti Marittimi ai Terminalisti, dagli Spedizionieri agli Autotrasportatori e Doganalisti.

Molte pratiche che ad oggi sono ancora realizzate in formato cartaceo con notevole dispendio di tempo ed energia, saranno ora gestite per via telematica grazie all’estensione del sistema LogIS, il gestionale di Port Community in uso da tempo e con successo a Venezia.

“Ci stiamo attrezzando perché Venezia sia sempre più uno scalo 2.0, oggi la concorrenza si gioca anche, e soprattutto, sulla velocità dei movimentazione della merce e sull’efficienza dei servizi offerti a navi, armatori, spedizionieri e clienti. In questo contesto l’informatizzazione della gestione delle pratiche potrà essere un importante tassello verso la digitalizzazione dello scalo e la gestione in sicurezza di tutte le merci. Un sistema che funziona totalmente online ha bisogno di essere supportato da una rete internet efficiente, per questo siamo provvedendo a distibuire una rete capillare a tutti gli operatori”, ha dichiarato Paolo Costa, Presidente dell’Autorità Portuale di Venezia.

“La dematerializzazione dei documenti legati alla gestione delle merci è un servizio ad alto valore aggiunto per gli spedizionieri, e in generale, per tutti gli attori della catena logistica, un efficiente tracking & tracing delle merci potrà certamente rendere più fluidi i processi informativi, favorire la sicurezza e incrementare l’attrattività e la competitività del porto di Venezia”, ha dichiarato il Presidente di Assosped Venezia, Andrea Cosentino.

X