martedì, 28 Giugno 2022
HomeLogisticaPiù controlli per il trasporto di merci pericolose

Più controlli per il trasporto di merci pericolose

Intensificare i controlli e vigilare sul rispetto delle norme per il trasporto di merci pericolose su treno. Sono queste le mosse che attuerà la polizia ferroviaria di tutta Italia per evitare che possano ripetersi incidenti come quello di Viareggio dove, a causa del ribaltamento e della successiva esplosione di un treno che trasportava gpl, morirono 30 persone. È quanto emerso dal “primo workshop per dirigenti della polizia ferroviaria sul trasporto a mezzo treno di merci pericolose” che si è tenuto a Bari nel centro polifunzionale della Polizia di Stato.
I vertici del servizio polizia ferroviaria e i responsabili dei 15 compartimenti Polfer si sono così confrontati sui temi della sicurezza dei trasporti ferroviari, condividendo esperienze pratiche e conoscenze anche in previsione delle innovazioni che dovrebbero essere introdotte a breve dalla direttiva comunitaria 2008/68/CE.
Il trasporto di merci pericolose, spiega la Polizia di Stato, è disciplinato da norme di carattere internazionale; recentemente poi è stata istituita in Italia l’Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie (Ansf): autorità a cui la legge affida il compito di dettare le direttive in materia di sicurezza ferroviaria e di vigilare sulle aziende di trasporto e gestione delle infrastrutture. E proprio il direttore dell’Ansf, Alberto Chiovelli, ha partecipato al convegno con un intervento tecnico. L’incontro a cui hanno partecipato un centinaio di esperti provenienti da tutta Italia si è aperto con il saluto del prefetto di Bari, Carlo Schilardi, e del questore del capoluogo pugliese, Giorgio Manari, entrambi molto interessati a sostenere iniziative a favore della sicurezza dei trasporti ferroviari.

Da Stradafacendo.tgcom.it

Luca Barassi
Luca Barassi
Direttore editoriale e responsabile.
X