lunedì, 20 Maggio 2024
HomeUltim'oraInfrastrutture per rilanciare l’economia

Infrastrutture per rilanciare l’economia

L’uscita dalla crisi economica passa anche per il rilancio dello sviluppo attraverso gli investimenti e per questo allo studio del governo c’è la defiscalizzazione per le nuove opere. La misura potrebbe arrivare con un disegno di legge nel prossimo pacchetto allo studio per la crescita. Ne ha parlato il vice ministro alle Infrastrutture Mario Ciaccia al Meeting di Rimini. L’idea è quella di sterilizzare l’Iva per quelle infrastrutture che sarebbero altrimenti non sostenibili finanziariamente. E la proposta del vice ministro riceve i primi consensi. Il plauso arriva da Confindustria ma anche da Ance, Autostrade e Cdp. Ciaccia poi conferma che «entro l’anno» arriverà il piano nazionale per gli aeroporti. Sul fronte dei trasporti stradali annuncia invece che a settembre si riunirà il Cipe per la Orte-Mestre, opera che vale 10 miliardi di euro. Ad ottobre invece il via per i primi progetti del Piano Città. La misura sulla defiscalizzazione delle infrastrutture alla quale sta lavorando il vice ministro consisterebbe nella «esenzione totale dell’Iva».

Così per Ciaccia «può conseguirsi l’ambizioso obiettivo di realizzare un considerevole numero di infrastrutture, diversamente mai realizzabili, in grado di stimolare un indotto tale da generare effetti positivi anche per le entrate pubbliche». Calcolando che da qui al 2020 un fabbisogno di infrastrutture per il Paese del valore di 300 miliardi di euro, con la spinta che potrebbe dare la sterilizzazione dell’Iva «la prospettiva in termini di Pil potrebbe essere superiore a circa 5-6 punti, 80 miliardi, – calcola Ciaccia – ed innescare uno straordinario motore per la creazione di nuovi posti di lavoro, che sempre prudenzialmente indico in diverse centinaia di migliaia di unità». Plaude Confindustria a questo annuncio che segue alle misure già prospettate dal governo per la ripresa. «Le ulteriori misure a sostegno della crescita annunciate in questi giorni da alcuni esponenti del Governo vanno nella giusta direzione», commenta il presidente Giorgio Squinzi. Sulla proposta Ciaccia dice: «Puntare in modo deciso sull’utilizzo della fiscalità come leva per favorire gli investimenti in infrastrutture è una scelta che Confindustria condivide pienamente». La proposta lanciata dal viceministro «è molto interessante» e dimostra che il governo ha compreso che i project bond e le semplificazioni «non bastano a rilanciare la crescita», ma serve anche «la leva fiscale come vediamo sta accadendo negli Stati Uniti».

Da Shippingonline.it

Luca Barassi
Luca Barassi
Direttore editoriale e responsabile.
X