venerdì, 19 Agosto 2022
HomeLogisticaIl "treno verde" di Bombardier

Il “treno verde” di Bombardier

Sarà interamente prodotto in Italia, viaggerà a 300 km/h, consumerà fino al 50% in meno rispetto ai treni veloci in servizio oggi. E’ il V300ZEFIRO, il “treno verde” superveloce con cui Bombardier, in joint venture con Finmeccanica-AnsaldoBreda, parteciperà all’annunciata gara per l’alta velocità in Italia e le cui linee guida sono state presentate oggi nel corso del convegno “Rotaia verde – I binari del risparmio energetico: innovazione e tecnologia nel settore dei trasporti”, organizzato da Bombardier e Gruppo 24ORE. V300ZEFIRO utilizzerà la tecnologia di nuova generazione ZEFIRO di Bombardier, la stessa alla base dello ZEFIRO 380, il treno con la velocità commerciale più alta al mondo, capace di raggiungere i 380 km/h. Recentemente le ferrovie cinesi ne hanno ordinato 80 esemplari.

Al convegno sono intervenuti il Presidente e Amministratore Delegato di Bombardier Transportation Italy, Roberto Tazzioli, Giuseppe Biesuz, Direttore Generale FNM, Elio Catania, Presidente e Amministratore Delegato Atm, Giuseppe Sciarrone, Amministratore Delegato Ntv, Gianfranco Battisti, Direttore divisione passeggeri nazionale e internazionale Trenitalia, Andrea Boitani, Professore Ordinario di Economia Politica dell’Università Cattolica di Milano, Giorgio Diana, Direttore Dipartimento di Meccanica al Politecnico di Milano.

Il V300ZEFIRO potrà contare sull’ avanzata tecnologia per il risparmio energetico ECO4 di Bombardier, in grado di ottimizzare al massimo l’efficienza operativa e i consumi energetici. Bombardier ha lanciato la soluzione ECO4 nel 2008 come parte di un programma mirato a rafforzare il ruolo del trasporto su ferro come modello di mobilità ancora più sostenibile di quanto sia già oggi. Bombardier è stato il primo operatore ferroviario al mondo a creare una nuova formula per la completa affidabilità dei propri treni, con un portafoglio in grado di generare un risparmio fino al 50% sui consumi energetici e le emissioni di CO2.

Il V300ZEFIRO sarà prodotto nello stabilimento Bombardier di Vado Ligure e in quello AnsaldoBreda di Pistoia; in particolare, nel centro Bombardier di Vado Ligure saranno realizzate tutte le carrozze di testa e i banchi di comando delle cabine di guida del nuovo treno.

“Forniremo a Trenitalia l’ultima tecnologia in materia d’alta velocità. Stiamo lavorando affinché il V300ZEFIRO possa giocare un ruolo fondamentale nello sviluppo del sistema per l’alta velocità in Italia,” ha dichiarato Roberto Tazzioli, Presidente e Amministratore Delegato di Bombardier Transportation Italy. “Il V300ZEFIRO sarà un treno veloce, affidabile, efficiente a livello operativo, conveniente dal punto di vista del consumo energetico e dei costi di esercizio e avrà un’abitabilità migliore rispetto a qualsiasi altro mezzo di trasporto ferroviario.”

 ”Bombardier ha una visione molto chiara del ruolo fondamentale che l’alta velocità può e deve ricoprire in un sistema basato sul trasporto sostenibile, ha continuato Tazzioli. Vogliamo contribuire affinché questa visione diventi realtà nel nostro Paese.”

 

 

 

Luca Barassi
Luca Barassi
Direttore editoriale e responsabile.
X