martedì, 29 Novembre 2022
HomeVeicoliIl Daily con una "e" in più

Il Daily con una “e” in più

Just Electric è lo slogan di lancio della versione a batteria del mitico veicolo commerciale di IVECO ad identificare le stesse potenzialità e performance del Daily a propulsione termica.

 

Indubbiamente il Daily ha rivoluzionato il concetto di furgone, con la sua struttura a longheroni innanzitutto che lo rende un veicolo robusto, versatile e performante, ma poi, nelle sue varie evoluzioni, di oltre 40 anni, anche completo dal punto di vista dei modelli, connesso e, perché no, elegante e moderno.
E l’ultima evoluzione è quella elettrica, dove proprio la struttura a longheroni ha permesso una trasformazione della catena cinematica assolutamente naturale, con l’inserimento delle batterie all’interno della struttura, senza dover andare a costruire controtelai o modificare gli chassis esistenti. Insomma, sembra quasi che già quando nacque, fosse pensato per questa metamorfosi.

 

Gamma più che completa
Lo stesso Daily di sempre, quindi sin da subito con la stessa gamma di modelli della versione termica. Una gamma che prevede cabinato, furgone o minibus con pesi che vanno dalle 3,5 alle 7,2 tonnellate, unico veicolo del segmento elettrico a raggiungere questa MTT. Ma c’è di più perché la gamma dell’IVECO eDaily, introduce un nuovo modello, il 42C creato appositamente per dare la possibilità alle patenti B di guidare un veicolo di 42 quintali di PTT, grazie alla tolleranza permessa per i veicoli alimentati dalle batterie.
Si tratta senza dubbio, oltre a tutte le altre caratteristiche peculiari dell’eDaily, di un grande vantaggio competitivo, soprattutto per il tipo di clientela a cui si rivolge IVECO.

La versione a zero emissioni del mitico Daily, infatti, è l’unico veicolo commerciale leggero elettrico ad oggi ad offrire fino a 20 m3 di volume di carico, fino a 4,6 t di carico utile e fino a 3,5 t di capacità di traino.

Stesso discorso vale per le prestazioni: massima potenza di 140 kW (190 CV), coppia massima di 400 Nm e velocità massima fino a 120 km/h, coppia che, come sappiamo in un motore elettrico, è istantanea del motore elettrico.

 

Potenza e coppia sì, ma quando serve
Abbiamo provato l’eDaily su strada per poi approfondirne tutti gli aspetti durante la presentazione alla stampa internazionale presso l’Industrial Village di IVECO Group e possiamo dire che la guida è davvero piacevole e funzionale ma, soprattutto, è intuitiva e l’utilizzo delle varie modalità di guida è estremamente semplice nonché efficace. Intanto va detto che, in caso di necessità di maggiore potenza, gli autisti possono sfruttare un’ulteriore spinta attivando una funzione introdotta dal Costruttore di Torino: l’Hi-Power. Si tratta di una funzione disponibile solo nella modalità Power e che permette di avere uno spunto non per pochi secondi ma fino a 2 minuti continui. Potenza aggiuntiva che, comunque, può essere gestita durante il viaggio e monitorata attraverso un indicatore che ne mostra la quantità residua.

L’utilizzo dell’energia può essere, dunque, ottimizzato grazie al Driving Mode Selector – che consente di ottenere le massime prestazioni o di ridurre al minimo il consumo di energia. Sono tre i livelli disponibili: Eco, Normal e Power. In abbinamento alla modalità di guida, l’autista ha, però, a disposizione un altro importante strumento per gestire l’energia, ovvero la modalità One-Pedal Drive in grado di convertire l’energia cinetica dei freni in elettricità, riducendo il consumo di energia e l’usura delle pastiglie dei freni.  In pratica una sorta di “retarder” a tre livelli, facilmente selezionabili tramite la leva del “cambio” posta sul cruscotto.

Abbiamo detto che la coppia in un veicolo elettrico è disponibile tutta e subito. Questo vale, ovviamente, per qualsiasi modello sul mercato. Un veicolo commerciale, però, per sua natura vive di diversi momenti e diversi livelli di carico, diversi posizionamenti della merce o delle persone all’interno del veicolo e altri fattori endogeni. Per questo motivo avere alla ruota tutta la potenza immediatamente non sempre è un vantaggio. Ecco che allora IVECO ha introdotto un interessante dispositivo, l’Adaptive Torque Management, che gestisce la forza e la coppia disponibile a seconda delle condizioni del veicolo in quel momento. Ciò comporta un enorme vantaggio in termini di consumo di energia, riduzione del consumo degli pneumatici, di sicurezza e anche di confort di guida.

 

Potenza modulare
Per l’IVECO eDaily ovviamente è FPT il fornitore delle batterie che danno energia al veicolo. Il know-how di FTP ha raggiunto un livello tale da realizzare un pacco batterie da 37 kwH di cui però se ne può utilizzare ben il 95%, ovvero 35. Un prodotto estremamente sicuro, pensato per poter essere immediatamente messo in sicurezza in caso di incendio e che garantisce una vita lunghissima, tanto da poter dare una garanzia di 8 anni e fino a 250.000 chilometri.
37, 74 e 111 kWh, con una, due o tre set di batterie sono le scelte che avrà davanti il cliente al momento dell’acquisto per quanto riguarda la potenza.

Naturalmente il numero di batterie, legato al tipo di veicolo, inciderà su consumo, autonomia e peso. Ogni pacco infatti pesa 260 chilogrammi che impattano (in parte grazie alla tolleranza di legge) sulla capacità di carico, ma per nulla sul volume, proprio grazie alla struttura del Daily che permette l’inserimento dei pacchi all’interno dei longaroni (nella tabella di questa pagina si possono vedere le diverse autonomie in chilometri in base alla MTT del veicolo e al numero di set, n.d.r.).

C’è però una novità nella proposta di IVECO: il set di batterie può essere modificato nel tempo. In aftermarket, cioè, si possono aggiungere o togliere i pacchi di batterie in poche ore adattandosi alle esigenze di momento. Questo è senz’altro un grande esempio di flessibilità.

 

Zero emissioni per il Daily di sempre
La peculiarità dell’IVECO eDaily è di essere pronto, sin da subito, per le stesse applicazioni e mission del Daily con motore a combustione. Lo dimostra il grande lavoro fatto dagli ingegneri e progettisti di Torino nel preparare delle personalizzazioni tipo in collaborazione con i migliori allestitori d’Europa.

Trasporto a temperatura controllata, edilizia, raccolta rifiuti, consegna ultimo miglio e medio raggio sono alcune delle preparazioni predisposte da IVECO, ognuna con specifiche caratteristiche, dal tipo di cassone fino alle prese di forza, vero focus di questi allestimenti.

Infatti, sono previsti tre tipi di ePTO: a basso voltaggio (12 V e 2,5 kW), ad alto voltaggio (400V e 15 kW) fino all’aggiunta di un motore meccanico di 15 kW per le applicazioni più gravose come, per esempio, i compattatori o le celle aeree.

Le prese di forza possono, tra l’altro, essere utilizzate anche a motore spento e, se il veicolo è collegato ad una colonnina o ad una presa di corrente, l’energia viene presa direttamente dalla rete senza quindi incidere sull’autonomia residua del mezzo.

Insomma, lo stesso telaio ultra-resistente di sempre, l’assenza di elementi sporgenti nella parte superiore del telaio e la presenza di interfacce digitali e analogiche (come il CAN BUS 2.0B) rendono l’eDAILY la base per veicoli elettrici più versatile e completa per gli allestimenti.

 

Una nuova dimensione
Una dimensiona naturalmente iper connessa e quindi in grado di fornire tanti servizi in più, oltre a quelli che il Customer Service di IVECO ha sempre fornito in termine di uptime, servizi finanziari, assistenza all’autista. A questi si aggiunge tutto il mondo dell’eMobility: le diverse soluzioni di ricarica, in sede e sulla rete europea, le applicazioni atte a ottimizzare e gestire i percorsi di lavoro (IVECO ON e Routing App), il controllo remoto e l’uptime predittivo, report personalizzati sull’uso del veicolo e tanto altro ancora.

La connettività dell’eDaily consente di ottimizzare l’autonomia, la guidabilità e i tempi di attività, oltre alla possibilità di controllare da remoto le operazioni di carica e la temperatura interna. Il pre-condizionamento, per esempio infatti, consente al veicolo di raggiungere la temperatura in cabina ideale mentre è ancora collegato alla presa di ricarica. L’affidabilità comprovata e le soluzioni specifiche per il settore elettrico si traducono in costi operativi competitivi, con una significativa riduzione delle spese di manutenzione e riparazione rispetto a un veicolo alimentato a Diesel.

Luca Barassi
Luca Barassi
Direttore editoriale e responsabile
X