martedì, 18 Gennaio 2022

SBB cargo migliora il risultato nel 2008

Ridotta la perdita a 29,9 milioni di CHF nonostante la crisi

SBB Cargo, società di trasporto merce su rotaia che fa capo alla svizzera SBB e leader nel trasporto merci sull’asse Nord-Sud Europa, ha chiuso il 2008 registrando una buona performance nonostante la congiuntura recessiva abbia influito sensibilmente sul settore dei trasporti.  

Nella presentazione dei dati di bilancio per l’anno 2008, avvenuta questa mattina a Milano, si è sottolineato che il trend per il 2008 è risultato positivo riducendo la perdita a 29,9 milioni di franchi svizzeri, un buon risultato se paragonato alla perdita di 190,4 milioni di CHF registrata nell’esercizio 2007.

La forte contrazione delle perdite è stata ottenuta grazie ai singoli comparti aziendali che stanno sviluppando valide contromisure per far fronte alla congiuntura recessiva e stanno intraprendendo i passi necessari per far fronte alle mutate condizioni di mercato.

È stato determinante anche l'incremento della produttività e il risparmio sui costi, soprattutto nel quadro degli interventi di risanamento. Inoltre, sono state snellite le procedure legate all'attività ferroviaria e ridotti i costi in materia di IT e personale.

Gli interventi di risanamento hanno dimostrato la loro efficacia.

Le misure di risanamento adottate da SBB Cargo hanno dimostrato la loro efficacia sul risultato d’esercizio con un effetto finanziario pari a 53 milioni di CHF. Grazie a mirate operazioni di riduzione dei costi e ad un ottimizzazione dei traffici, SBB Cargo è riuscita a superare gli obiettivi di risanamento previsti per l'anno di esercizio. SBB Cargo ha ridotto nel 2008 le prestazioni di trasporto del 6,3 %, per un ammontare complessivo pari a 12,53 miliardi di tonnellate-chilometro nette. Questa contrazione è da ricondurre al ritiro di SBB Cargo dai trasporti poco redditizi negli affari internazionali e alle conseguenze negative della congiuntura economica.

Partnership

La ricerca di un partner per SBB Cargo ha dato esiti positivi.  Dopo aver ricevuto 14 offerte concrete, la rosa di potenziali partner strategici è stata ridotta a sette candidati.

Sono 2 le varianti in esame:

·        Alle 2 grandi imprese ferroviarie DB e SNCF sarà offerta una stretta partnership legata ad una partecipazione minoritaria a SBB Cargo pari al 49 per cento. Nel quadro di una simile partnership viene esaminata con gli altri cinque potenziali partner la possibilità di cooperazioni complementari. Lo stretto collegamento del traffico internazionale e nazionale come pure le esigenze del mercato in materia di logistica suggeriscono da un punto di vista imprenditoriale una partnership con società che permetterebbero collegamenti a una rete europea.

·        SBB prende in considerazione una soluzione di partecipazione soltanto nel caso in cui si prospetti a lungo termine un futuro piu’ promettente della gestione autonoma del settore SBB Cargo. Questa variante viene pertanto portata avanti in parallelo. Anche nell’ambito della gestione autonoma dell’attività Cargo vengono esaminate con i possibili partner soluzioni di cooperazione tanto nel settore nazionale quanto in quello internazionale.

SBB è convinta che entrambe le varianti contribuiscano a rafforzare SBB Cargo e che garantiscano cosi in maniera durevole l’ offerta nel traffico merci su rotaia e forniscano un contributo considerevole al raggiungimento dell’obiettivo di trasferimento dei trasporti della strada alla ferrovia.

 

SBB Cargo Italia conferma i risultati del precedente anno

SBB Cargo Italia ha confermato i risultati dell’anno precedente registrando un volume di 914,1 milioni di tonnellate chilometro trasportate per il 2008 (915,2 nel 2007). “Nonostante la congiuntura negativa dell’ultimo quadrimestre del 2008 ci abbia frenato, abbiamo confermato i volumi trasportati aumentando pero’ del 30% la quota di produzione propria. Nei fatti, ad un 2008 già difficile, sta purtroppo seguendo un 2009 decisamente piu’ duro che ci impone, parallelamente alla conclusione delle misure di risanamento, di reagire in maniera decisa alla crisi economica e di presentarci al meglio per le annunciate prospettive di partnership. Per rimanere competitivi sarà decisivo migliorare l’efficienza dell’impiego delle risorse con l’introduzione anche dell’agente solo.”, ha dichiarato Marco Terranova, amministratore delegato di SBB Cargo Italia.

X