giovedì, 30 Giugno 2022
HomeLogisticaIntegrazione porti è nodo essenziale

Integrazione porti è nodo essenziale

“I porti del nord Adriatico sono un nodo essenziale del corridoio Baltico–Adriatico e devono fare massa critica per competere con quelli del nord Europa”. Lo ha affermato a Bruxelles l’europarlamentare del Pd Debora Serracchiani, membro della commissione Trasporti, intervenendo a una conferenza sul Corridoio Baltico-Adriatico.
 
Secondo Serracchiani “bisogna essere consapevoli che non bastano i collegamenti, perché non si può sperare di intercettare i grandi flussi di traffico dal sudest asiatico attraverso l’offerta di un sistema portuale frammentato, dal momento che l’affermarsi delle nuove grandi navi portacontainer rischia di continuare a favorire i porti del nord. Solo attraverso un’offerta molto integrata e realizzata in tempi congrui, con scali efficienti, collegamenti ferroviari veloci e ad alta capacità, intermodalità, co-modalità e autostrade del mare, potremo essere competitivi a livello globale”.
 
Osservando che “all’Europa dovrebbe essere affidato non solo il coordinamento ma anche la diretta realizzazione delle infrastrutture strategiche, mentre gli Stati membri dovrebbero impegnarsi a far partecipare i privati al finanziamento di queste opere”, Serracchiani ha sottolineato il “rilievo economico dei collegamenti con l’area del Baltico e dell’est Europa, anche nella prospettiva di un impulso all’uscita dalla crisi”. Riferendosi alle deliberazioni prese oggi dal Cipe, Serracchiani ha infine espresso “rammarico per l’assenza della Venezia-Trieste dalle ultime assegnazioni, e speranza vigile per l’impegno successivo del Governo sulle infrastrutture ferroviarie del nordest”.

Luca Barassi
Luca Barassi
Direttore editoriale e responsabile.
X